giovedì 21 luglio 2011

E' arrivato Lion!

Finalmente la lunga attesa é finita: é arrivato Lion! Ieri sera non potevo aspettare e, appena rientrato a casa, ho iniziato il dowload e l'installazione... e ho finito all'una di notte! E' sicuramente questa é una versione molto attesa da tutti gli utenti, non solo perché porta con sé diverse novità, ma anche perché si tratta del primo aggiornamento che si avvicina il Mac ad iOS, sia per il modo in cui vengono gestite alcune funzionalità, sia per la nuova l'interfaccia utente. Qualcosa di nuovo e diverso che troveremo dopo l'upgrade del nostro vecchio e amato Snow Leopard. Già dall'installazione si capisce che Apple vuole introdurre qualcosa di nuovo: nessun DVD di installazione é più necessario! Si scarica solo (all'infinito) dallo store online. Una volta terminato il download, basta cliccare sull'icona e Lion verrà installato (un vero e proprio upgrade) in circa un'oretta sul vostro Mac, lasciando invariata la configurazione utente e le app già presenti. Personalmente trovo estremamente scomodo e lente le nuove procedure di installazione, soprattutto in caso di reinstallazione, perché non arrivo proprio ad immaginare quanto tempo ci vorrà per un ripristino del Mac senza il DVD di installazione! Apple (ovviamente) ha pensato anche a questa problematica, introducendo il "Revovery HD": una partizione di avvio che consente di reinstallare da zero Lion. Non ho ancora avuto modo di approfondire questa novità e non posso parlarne approfonditamente per dare un giudizio sulla validità di questa scelta. La compatibilità con le vecchie applicazioni di Snow Leopard é stata mantenuta per quasi tutte le applicazioni anche se, come ripeto, credo che i veri problemi li avrà soprattutto chi avrebbe voluto effettuare una nuova installazione formattando il proprio Mac perchè, sembra che al momento, non é ancora possibile. C'è comunque un accessorio che dovete assolutamente comprare per utilizzare al meglio Lion se non disponete di un portatile: il "Magic Trackpad". Un dispositivo che, personalmente, non ho mai amato troppo (tant'é vero che lo avevo comodamente riposto nella sua confezione), ma ora ho la certezza che dovrò spacchettarlo e mandare in pensione il mio mouse. E' questo infatti l'unico modo per gestire al massimo tutte le novità introdotte da Apple. Un breve corso per scoprire tutte le nuove "gesture" e sarete autonomi in pochissimo tempo, apprezzando a pieno queste nuove funzionalità anche se, nell'utilizzo quotidiano, ci si accorgerà presto che molte di queste non sono certo utili al fine di migliorare la produttività. L'investimento di 23,99 euro per acquistare Lion ci proietterà sicuramente nel futuro dei sistemi operativi. Cosa dovrà inventarsi ora Microsoft per mantenere il passo di Apple?

Nessun commento: