sabato 11 dicembre 2010

Viber: la fregatura? Nella privacy!

Questa volta ho fatto proprio un bel buco nell'acqua! Nei giorni scorsi ho parlato in modo entusiasta di VIBER, il nuovo client per effettuare chiamate VoIP tra gli utenti registrati sul network senza costi aggiuntivi (se non quelli del proprio piano dati se si usa una connessione 3G). L'ho provato ed utilizzato più volte per chiamare gli amici e non ho mai avuto problemi e devo anche dire che l'audio delle telefonate é veramente eccezionale. Troppo bello per essere vero: Viber offre telefonate gratuite, senza diversificare la clientela in base a offerte o pagamenti. Viber ufficialmente é supportato per iPhone, in particolare è consigliato iOS 4, ma funziona anche su iPod Touch e iPad (ancora se senza supporto ufficiale). L'applicazione arriverà presto anche su Android e BlackBerry. Insomma, un'azienda che si dedica esclusivamente alla beneficenza! Ma allora dove sta la fregatura? La fregatura secondo me c'é, e non é per niente trascurabile!

Le informative sulla privacy sono un contenuto noioso e complesso da leggere, e noi utenti spesso ci dimentichiamo di approfondirne i contenuti, confidando nella buona fede di chi (di volta in volta) ha redatto le linee guida; ma ancora una volta scopro che che non dovrebbero mai essere trascurate. Frasi come "A copy of your address book will be stored on our servers" dovrebbero essere tenute bene in considerazione quando ci affidiamo a un servizio online. E questa volta mi hanno proprio fregato! Proseguendo nella lettura delle FAQ, alla voce "How do I import my contacts in Viber" la risposta é molto semplice: "You don't. Viber uses your iPhone's address book and it's always synced. Viber also highlights friends in your iPhone's address book that have Viber". Mi verrebbe quasi da rispondere con una classica espressione romana: ma li mor%@#!!! Ma perchè non leggo mai tutte le informazioni che, correttamente, e chiaramente vengono esposte?!? Ecco spiegato il segreto semplicemente descritto nella "Privacy policy" dell'applicazione:
When you install the Viber App and register on the Site, you will be asked to provide your phone number and to allow us access to your iPhone address book.
In pratica l'applicazione avrà pieno accesso a tutti i contatti presenti nostra rubrica personale, che verranno replicati e memorizzati sui server di Viber Media e utilizzati per notificarci quando qualcuno nella nostra lista diventa un utente Viber, per indicarci chi già si é attivato e per visualizzare tutte le informazioni quando si riceve una telefonata da altri utenti sul network. Ovviamente Viber dichiara di proteggere i dati degli utenti e di non cederli a nessuna terza parte (salvo in casi di richiesta da parte delle forze dell'ordine), ma si tutela nei confronti di eventuali problemi in caso di attacchi informatici (leggete il paragrafo 4: security). I dati presenti sui server di Viber Media fanno chiaramente parte degli asset dell'azienda e verranno trasferiti in caso di cambio di proprietà: naturalmente gli utenti saranno avvisati prima in caso di trasferimento della proprietà, secondo le policy attuali ma, OVVIAMENTE; é presente la clausola che, testualmente recita: "Le regole possono essere modificate in ogni momento e senza preavviso". Fate attenzione quindi prima di installare quest'applicazione e decidete quali sono le vostre priorità.

Nessun commento: