sabato 27 novembre 2010

Reti domestiche: la direttiva 2008/63/CE


Con il decreto legislativo approvato lo scorso 22 ottobre dal consiglio dei ministri in "attuazione della direttiva 2008/63/CE relativa alla concorrenza sui mercati delle apparecchiature terminali di telecomunicazioni" (in questo link trovate il testo completo) sembrerebbe che l'installazione e la configurazione di un router (o di un access point) presso la propria abitazione dovrà essere eseguita esclusivamente da un tecnico abilitato, che avrà il dovere di rilasciare un attestato relativo all'installazione, chiedendo anche un compenso per il proprio lavoro.
Gli utenti delle reti di comunicazione elettronica sono tenuti ad affidare i lavori di installazione, di allacciamento, di collaudo e di manutenzione delle apparecchiature terminali di cui all’articolo 1, comma 1, lettera a), numero 1), che realizzano l’allacciamento dei terminali di telecomunicazione all’interfaccia della rete pubblica, ad imprese abilitate secondo le modalità e ai sensi del comma 2.

Se quanto descritto nel decreto fosse interpretato esattamente alla lettera questo scenario potrebbe diventare presto realtà; sarà comunque competenza del ministro dello sviluppo economico emanare entro 12 mesi un decreto "volto a disciplinare i requisiti necessari all'abilitazione per l'allacciamento dei terminali di telecomunicazione all'interfaccia della rete pubblica". Sono state previste sanzioni per chi effettuerà allacciamenti pur non essendo in possesso dei titoli necessari all'abilitazione: la sanzione amministrativa prevede infatti un importo compreso tra i 15.000 e i 150.000 euro, da stabilirsi "in equo rapporto alla gravità del fatto“. Continuando a leggere, si scopre però che al punto F é riportato quanto segue:

i casi in cui, in ragione della semplicità costruttiva e funzionale delle apparecchiature terminali e dei relativi impianti di connessione, gli utenti possono provvedere autonomamente alle attività di cui al comma 1.
Speriamo quindi in un atteggiamento "illuminato" da parte di chi sarà chiamato a definire nel dettaglio tali questioni poiché, se i semplice dispositivi di rete utilizzati dai normali utenti non venissero fatti ricadere all'interno di questa categoria, saremo costretti a pagare nell'ennesimo inutile balzello ad un installatore per effettuare un'operazione banale e di uso comune, per non dover incorrere in una sanzione amministrativa. Volendo pensare in modo positivo e guardare il "bicchiere mezzo pieno", sembra comunque assurdo (e forse anche inapplicabile) voler obbligare gli utenti a dover ricorrere ad un "tecnico specializzato" per la configurazione della propria rete domestica, vista soprattutto la semplicità del software di installazione di cui sono forniti gli apparati. Nulla esclude che sia un tecnico specializzato ad occuparsi di architetture più grosse e complesse, ma sarebbe assurdo pensare diversamente! Ci dovremo quindi preparare a pagare un nuovo (e inutile) balzello?!? Non ci resta che aspettare e sperare che il provvedimento venga interpretato nel migliore dei modi.

venerdì 26 novembre 2010

Apple store: torna il "Black Friday"

Anche quest'anno Apple festeggia il Black Friday sul suo store online. E' una tradizione tipicamente americana e rappresenta il primo giorno di inizio dello shopping natalizio. Solitamente in America (solo in questa giornata) si effettuano sconti su moltissimi prodotti per invogliare i consumatori allo shopping natalizio. In questa occasione sarà possibile acquistare prodotti ed accessori Apple ad un prezzo scontato (solo per gli acquisti online) e la spedizione, a prescindere dal prezzo dell'oggetto, é gratuita! L'offerta é valida anche in Italia. Gli sconti maggiori sono applicati sui MacBook air (solo per la nuova versione da 13 pollici) ed i modelli iMac, con un risparmio di 101 euro. Lo sconto praticato sui tutti i modelli di iPad é invece di 41 euro, mentre gli iPod Touch hanno una riduzione di prezzo che parte da 21 euro (per la versione da 8gb) fino ad un massimo di 41 euro per la versione a 64gb; per l'iPod Nano é previsto uno sconto di 11 euro. Anche sugli accessori sono interessanti gli sconti: ad esempio il kit da auto TomTom costa 78 euro (invece dei normali 99 euro). Potete trovare la lista di tutti i prodotti scontati visitando questo link alla pagina web creata appositamente per l'evento. Personalmente penso che comprerò la fascia da braccio per l'iPhone 4. Le promozioni non riguardano però i seguenti prodotti: il nuovo MacBook Air da 11 pollici, Apple TV, i MacBook ed i Mac Mini. Un "ottimo giorno" se é vostra intenzione da passare ad Apple!

mercoledì 24 novembre 2010

Find my iPhone: ecco come funziona!

Tra le tante novità introdotte nella versione 4.2.1 di iOS quella più interessante, secondo il mio punto di vista, é la possibilità di utilizzare "Find my iPhone" gratuitamente con dispositivi iPad, iPhone e iPod. "Find my iPhone" da la possibilità all'utente di rintracciare la posizione del proprio dispositivo e, qualora fosse stato smarrito, di cancellarne completamente i dati da remoto, evitando in questo modo che altri utenti ne entrino in possesso. Fino a pochi giorni fa questa funzionalità era inclusa esclusivamente nel pacchetto a pagamento "Mobile Me" di Apple (per chi non conoscesse le sue funzionalità, basta semplicemente sapere che permette la sincronizzazione dei dati di più dispositivi tra di loro). Questo vuol dire che, probabilmente, in futuro parte delle interessanti funzionalità di "Mobile Me" potrebbero essere gratuite. Ad oggi la sottoscrizione dell'abbonamento annuale costa infatti 79 euro.

E' importante precisare che le utenze di nuova attivazione (e pertanto gratuite) dovranno essere registrate esclusivamente utilizzando i nuovi dispositivi (iPad, iPhone 4 e iPod touch di quarta generazione) con iOS 4.2. Provando a registrarsi per la prima volta utilizzando un iPhone 3Gs si riceverà il messaggio “dispositivo non supportato”. Precisiamo subito che la limitazione ai dispositivi di ultima generazione è solo nella creazione dell’account gratuito. Una volta creato un account gratuito su un iPad o su un iPhone 4 è possibile usarlo senza limitazioni di nessun tipo anche su un iPhone 3Gs o su iPod touch di terza generazione a patto, naturalmente, che quest’ultimo abbia installata la versione 4.2 di iOS. La registrazione dei nuovi utenti si presta fortunatamente a piccole forzature, come ad esempio l’utilizzo di dispositivi di ultima generazione di amici o parenti per l’attivazione del proprio account e la successiva rimozione del ID dal dispositivo. In questo modo potremo chiedere ad un amico con un iPhone 4 di farci attivare il nostro ID Apple tramite il suo telefono. A questo punto viene da chiedersi quale sia stata la necessità di imporre questa limitazione!

lunedì 22 novembre 2010

Apple rilascia ufficialmente iOS 4.2

E' finalmente disponibile per il download la nuova versione di iOS che si aggiorna alla release 4.2. Le novità principali riguardano in gran parte alcune funzionalità dell'iPad, sul quale é stato finalmente introdotto il multitasking, le cartelle, una casella email unificata e Game center. Altra novità molto interessante é l'introduzione di AirPlay ed AirPrint, disponibile anche per gli utenti iPhone e iPod Touch. Il nuovo sistema operativo di Apple è compatibile con iPad, iPhone a partire dalla terza generazione (esistono ancora in circolazione versioni 2G?!?) e con l'iPod touch a partire dalla seconda generazione. Le novità introdotte sono più di 100 e non tutte sono direttamente disponibili per l'utente, poiché riguardano miglioramenti di programmi o di prestazioni. Ecco un piccolo elenco riassuntivo con le novità:

  • AirPrint: permette di stampare email, foto, pagine web e tanto altro utilizzando stampanti compatibili con questo nuovo protocollo.
  • AirPlay: permette lo streaming in modalità wireless su Apple TV di video, musica e foto; é possibile effettuare anche lo streaming di musica in modalità wireless utilizzando altoparlanti e ricevitori compatibili con AirPlay, compreso AirPort Express.
  • Aggiornate anche alcune funzionalità di FaceTime, come ad esempio la possibilità di effettuare chiamate utilizzando il controllo vocale o all'interno di una conversazione SMS;
  • Introdotti nuovi font all'interno di Notes.
  • Sono state aggiunte nuove restrizioni (controlli di censura), come ad esempio impostazioni account, amici game center e impostazioni di localizzazione.
  • Sarà possibile importare file ".ics" all'interno del calendario.
  • il servizio "Find my device" disponibile a pagamento e integrato in "Mobile me" é stato reso gratuito per tutti gli utenti possessori di iPhone4 e per gli iPod Touch di ultima generazione.
  • Migliorata la riproduzione audio sugli autoradio tramite porta USB.
Per poter installare iOS 4.2 é necessario aggiornare anche iTunes alla versione 10.1. Al momento non é ancora disponibile una versione Jailbreak. Se volete effettuare tale modifica al vostro dispositivo vi consiglio quindi di attendere ancora un pò, E' comunque risaputo la nuova versione di iTunes non blocca in nessun modo il Jailbreak.

Prove tecniche di trasmissione

Ho finalmente deciso di dedicarmi un pò al restyle del blog. Inizialmente la mia idea era quella di migrare completamente il blog dalla piattaforma attuale (blogger) a WordPress. Per mancanza di tempo ho provato a cercare qualcuno che lo facesse per me ho ho richiesto diversi preventivi a piccole aziende e professionisti del settore che ho trovato sul web. La risposta é stata quasi immediata da parte di tutti ma mi sono sentito comunicare cifre così assurde per un lavoro così semplice e veloce che ho deciso di fare da me! La mia prima decisione é stata quella di rimanere sulla piattaforma di Google, anche perché ho scoperto alcuni nuovi strumenti per la gestione del blog che rispondono a tutte le mie necessità, mentre io pensavo fossero disponibili solo per gli utenti di WordPress. Mi sono quindi risparmiato la scocciatura dell'inutile migrazione e mi tengo in tasca anche un bel gruzzoletto! Mi dedicherò quindi esclusivamente a dare una bella "imbiancata" all'aspetto generale del blog. Per questo motivo nei prossimi giorni troverete continui cambiamenti ed aggiornamenti; un cantiere aperto che spero di chiudere quanto prima... sempre che non mi passi l'ispirazione! Scusate per il disagio.

domenica 21 novembre 2010

I pagamenti dilazionati di Facebook

Era solo una questione di tempo ma alla fine anche su Facebook sarebbero arrivati i pagamenti dilazionati. Sembra infatti che sia in fase di test su una nuova funzionalità chiamata PayLater che permetterà agli utenti del portale di acquistare "crediti" senza pagarli immediatamente. I crediti sono solitamente utilizzati dagli utenti (alquanto stupidi, secondo il mio punto di vista) per acquistare "beni virtuali", spendendo però soldi reali. Tutti i giochi e le applicazioni presenti sul portale ne prevedono infatti il loro utilizzo: é infatti questo il "motore" che spinge le aziende a produrre e pubblicare le loro applicazioni su Facebook. Grazie all'acquisto dei crediti é possibile acquisire opzioni che permetteranno al giocatore di ottenere vantaggi significativi durante il gioco. La partecipazione ai giochi infatti é gratuita ma capita spesso che i gli utenti più accaniti, trovandosi in diretta competizione con altri, cedano alle allettanti offerte e facilitazioni proposte da questi strumenti, riuscendo in questo modo ad avere progressi più veloci nel loro mondo virtuale. Questo meccanismo può generare anche una reazione a catena che spingerà gli altri utenti ad acquistare crediti per non restare indietro rispetto agli giocatori. In questo ciclo vizioso sarà difficile per gli utenti avere la percezione realte dei soldi spesi, forse proprio perché gli importi di volta in volta sono sempre di modesta entità. Tornando alla notizia, sembra che l'accordo sarebbe stato stipulato con i maggiori produttori di giochi per Facebook, primo tra tutti Zynga (con giochi come Farmille, MafiaWars, Treasure Isle, etc.). Il debito accumulato per l’acquisto di crediti potrà essere pagato con una carta di credito o con PayPal, anche se al momento non si hanno indicazioni sull’esistenza di un tetto massimo al debito che un utente potrà contrarre. Solo il buon senso dei giocatori potrà tenerli al riparo da inutili e stupidi acquisti elettronici.

sabato 20 novembre 2010

Windows: un compleanno dimenticato?

25 anni fa faceva la sua prima apparizione sul mercato mondiale il sistema operativo che nel giro di un decennio avrebbe cambiato radicalmente la storia dell'informatica. Era infatti il 20 novembre del 1985 quando Microsoft lanciava sul mercato Windows 1.0: costava 99 dollari, necessitava di soli 256 Kbyte di memoria e non prevedeva la possibilità di utilizzare un mouse. A quei tempi io ancora giocavo con il mio Commodore64! Il nuovo sistema operativo doveva però già rincorrerne un altro, sicuramente più avanzato: Mac OS, che permetteva, tra l'altro, la semplice sovrapposizione delle finestre a video. Le successive versioni, la 2.0 e la 3.0, furono rilasciate nel 1998 e nel 1990 ma ebbero un grande successo. Solo nel 1992, con la versione 3.1, la creatura di Bill Gates raggiunse le capacità operative che potevano essere paragonate a quelle dei Macintosh. In quegli anni io mi godevo lo stupendo Mac Classic II (ancora funzionante nel mio studio!). In 25 anni in mondo dell'informatica é cambiato radicalmente e, gran parte di questi progressi, sono sicuramente da attribuire proprio a questo sistema operativo. Negli anni 90 Steve Jobs perdette la sua causa per violazione di proprietà intellettuale e da lì in poi, con il debutto di Windows 95, Microsoft produrrà il sistema operativo più diffuso al mondo, arrivando a coprire il 95% delle installazioni sui pc domestici. Seguiranno Windows XP (il mio preferito), Vista e Seven (mai utilizzato!). Spente le 25 candeline in Microsoft si lavora come sempre sodo per stupire ancora tutti con la nuova creatura, quel Windows 8 di cui si dice sarà un prodotto che esalterà i cardini dell'informatica moderna. Crediamoci! Tanti auguri Window anche se, ad essere sincero, io me ne sono accorto quasi per sbaglio!

venerdì 19 novembre 2010

La giornata mondiale dell'infanzia

In questi giorni sulle pagine di Facebook le foto del profilo degli amici sono quasi sempre quelle dei personaggi dei cartoni animati. E' una nuova iniziativa che coinvolge gli utenti del social network e suggerisce a tutti gli iscritti di sostituire la propria immagine con una che rappresenti il cartone animato preferito. Lo scopo di questa iniziativa é "sollecitare le coscienze" sulla settimana dedicata ai diritti d’infanzia (dal 15 al 22 novembre), secondo il motto “torniamo bambini!“. Questa iniziativa é stata presa per ricordare il giorno della ratifica della Carta dei Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, avvenuta il 20 novembre 1995. Un piccolo gesto che può sicuramente aiutare a mettere in evidenza un’iniziativa così importante. Sicuramente senza questa "geniale trovata" molte persone sarebbero rimaste allo scuro di quest'evento. Ora non resta altro da fare che andare su Facebook e cambiare l’immagine del profilo con una foto dei cartoni animati che hanno accompagnato la vostra infanzia. Io ho scelto il mitico Muttley, ma vi assicuro che non sarà certo una scelta facile!

Ciao Nonna!

martedì 16 novembre 2010

La novità di iTunes Store: i Beatles

E' questa la novità tanto attesa: l’intero catalogo dei Beatles disponibile per il download su iTunes Store! Oltre alla possibilità di acquistare i brani e gli album, rispettivamente a 1,29 e 12,99 euro, è disponibile il "The Beatles Box Set" che contiene tutti gli album registrati in studio dai FabFour e la raccolta "Past Masters", con altrettanti album e registrazioni. Se devo essere sincero sono rimasto un pò deluso dalla novità... e chissà quanti, come me, hanno provato la stessa cosa! Ci si aspettava qualche "succulenta" novità ma la sorpresa era di tutt'altro tipo. Ad ogni notizia di Apple ormai ci si aspetta solo l'impossibile; magari, che ne so, il primo razzo a propulsione realizzato da Apple che ha già iniziato le procedure di atterraggio su Marte. Vabbé, magari la prossima volta terremo un "profilo più basso", così da ridurre le aspettative e la relativa delusione. L'ho sempre detto che "i grandi analisti" del mercato sparano solo bufale e gossip, un pò come ha sempre fatto quella mezza fetecchia di Claus Davi con i suoi falsi scoop. Torniamo comunque alla notizia; immediatamente dopo il lancio della discografia dei Beatles su iTunes Store, Apple ha diramato un comunicato stampa nel quale sono riportate le dichiarazioni di Steve Jobs, di Paul McCartney, Ringo Starr e delle mogli di John Lennon e George Harrison.

Amiamo i Beatles ed è un onore per noi accoglierli con calore nella grande famiglia iTunes”, ha dichiarato Jobs. “Abbiamo percorso una lunga e tortuosa strada per arrivare fin qui. Grazie a Beatles e EMI, abbiamo realizzato un sogno che avevamo nel cassetto da quando presentammo iTunes ben dieci anni fa.

Una dichiarazione importante... che altro aggiungere? Peace and love! Bha!

lunedì 15 novembre 2010

Novità in arrivo su iTunes

Tutte le home page internazionali Apple (compresa quella italiana) sono state da poco modificate e, al posto della pagina nera con la pubblicità al nuovo MacBook Air, ora è comparsa una nuova pagina che annuncia novità per quanto riguarda iTunes nella giornata di domani. L'ipotesi più probabile é quella della presentazione del nuovo servizio di streaming a pagamento offerto da Apple, fruibile proprio tramite iTunes e, forse, correlato anche dal tanto atteso rilascio di iOs 4.2, in grado proprio di supportare lo streaming su iPhone/iPhod touch. L’appuntamento è fissato alle ore 16.00 di domani (ora italiana).

Non ho mai detto di essere povero!

Nel corso dell'ultima puntata di "Domenica Cinque" (che fortunatamente non sono riuscito a vedere in televisione!) Barbara d'Urso ha intervistato Franco Califano, che ha fatto chiarezza sulle dichiarazioni uscite su tutti i giornali in cui avrebbe invocato il sussidio della legge Bacchelli:

Io sto bene con quello che ho e non ho bisogno di niente, potrei campare altri venti anni senza lavorare non dovendo chiedere niente a nessuno. Non ho mai detto ora sono povero. Io sui soldi ci ho sempre sputato.

Califano racconta che alcuni amici, in buona fede e seriamente preoccupati per la situazione economica del cantante, al momento convalescente per un infortunio domestico e impossibilitato a lavorare, hanno chiesto a suo nome che egli potesse beneficiare degli aiuti previsti dalla Legge Bacchelli. “Non ho mai chiesto soldi a nessuno”, ha afferma Califano anche a Striscia la Notizia. E ha aggiunto: “Non ho bisogno di chiedere, non ho bisogno di soldi. Vivo dei diritti d’autore e delle mie serate”. Certo, dopo la figuraccia che ha fatto é il minimo che potesse fare, anche se queste sue dichiarazioni sono poco più che un goffo tentativo di riparare a quanto detto nei giorni scorsi. E con questo chiudo ufficialmente e definitivamente ogni ulteriore disquisizione sull'argomento: fatelo santo e chiudiamo il discorso!

In arrivo la mailbox di Facebook?

Stando ad alcune indiscrezioni che circolano insistentemente sulla rete sembrerebbe che a partire da oggi Facebook potrebbe arricchirsi di una nuova funzionalità molto interessante: un vero e proprio servizio email associato al proprio account, andando quindi ad allargare le potenzialità del social network che dispone di 500 milioni di utenti e che, a questo punto, non mancherà di fare una spietata concorrenza agli stessi servizi offerti da Yahoo! e Google. Non c'é niente di ufficiale in merito alla presentazione di questo nuovo servizio e, come al solito, é un'ipotesi avanzata da professionisti e analisti del settore. Un servizio mail, specie se funzionale e con qualche novità, potrebbe accrescere ancora l'interesse che Facebook vanta nei confronti dei suoi utenti. Non ci resta che aspettare!

venerdì 12 novembre 2010

Con l'etilometro al ristorante!

Scatta da domani, sabato 13 novembre, una nuova norma contro la guida in stato di ebberzza e che coinvolge i gestori dei locali dove si consumano alcolici. E che per questo non mancherà di suscitare discussioni. Da domani, infatti, bar e ristoranti dovranno esporre le tabelle che informano sui limiti e sugli effetti dell’alcol; i gestori dovranno inoltre dotarsi di etilometro da mettere a disposizione del pubblico. La norma, introdotta dalla legge 29 luglio 2010, riguarda tutti gli esercizi che protraggono la loro attività oltre la mezzanotte. Non solo i locali dove abitualmente si cena quindi, ma tutti gli impianti che somministrano alcolici (pertanto anche circoli, agriturismi, chioschi, enoteche, alberghi, campeggi, fiere, sagre, feste varie e simili). Per le discoteche l’obbligo era già in vigore. I soggetti interessati dovranno affiggere in evidenza le tabelle approntate dal ministero della Salute. Il codice della strada prevede pesanti sansioni per i guidatori. Basta infatti superare il tasso alcolemico di 0,5 grammi per litro per incorrere in una multa che va da un minimo di 300 ad un massimo di 6.000 euro a seconda dei livelli di alcol riscontrati nel sangue. E oltre gli 0,8 grammi per litro scattano l’arresto e la sospensione della patente.

Il Califfo non é solo (parte 3)

La storia strappalacrime del Califfo continua. Ingenuamente pensavo che fosse terminata con il mio secondo post, ma non é così! Renata Polverini (presidente dalla regione Lazio) ha infatti confermato che sebbene non sia di competenza della Regione l'attuazione della legge Bacchelli (il famoso sussidio per gli artisti in situazioni di indigenza), si troverà comunque il modo di aiutare Franco Califano che ha dimostrato subito di apprezzare la disponibilità della governatrice e ha risposto come solo lui, proverbiale latin lover incallito e mai pago, avrebbe potuto fare "Le dedicherò una canzone. E' una gnocca", subito dopo corretto in un più pacato "È bellissima". Sul come possa arrivare questo aiuto, la Polverini azzarda una soluzione: coinvolgerlo, per esempio, nelle iniziative musicali che offre l'istituzione sul territorio. Sicuramente ci sarà una folla sconfinata ad assistere ai suoi concerti! Dopo l'incontro di martedì pomeriggio col cantante nella hall del palazzo della regione la Polverini ha detto:

Califano mi ha esposto le sue difficoltà, si è confessato anche riconoscendo qualche errore commesso in gioventù. Adesso vedremo come aiutarlo. È una persona che ha dato molto al nostro Paese, le sue canzoni hanno fatto storia, quindi credo sia giusto che un'istituzione sia vicina a tutti coloro che chiedono attenzione.

...a tutte le persone che in questi giorni si rammaricano che un'istituzione si è mostrata disponibile voglio ricordare che l'Italia è una Paese solidale. Al di là di tutti gli errori che una persona può commettere, l'importante è che quando si lancia un grido d'allarme c'è una persona pronta a raccoglierlo.

Una scelta quanto meno impopolare a giudicare dalle reazioni e dai commenti che si possono leggere su web. Forse la Polverini dovrebbe fare più attenzione alle parole che usa visto che "A tutti coloro che chiedono attenzione", "l'Italia è una Paese solidale" e "quando si lancia un grido d'allarme c'è una persona pronta a raccoglierlo" potrebbe indurre, non senza ragione, molti altri italiani a chiedere altrettanta solidarietà. Concittadini che hanno vissuto e vivono come la formica, al contrario del Califfo che infondo si è sempre vantato di non badare a spese (soprattutto quando di mezzo c'erano le donne ) e di non pensare alla vecchiaia (che però inesorabile arriva per tutti) e che infondo, come la cicala, ha speso e sperperato tutto quello che il suo "talento" gli aveva permesso di guadagnare. Forse, il fatto di trovarsi in difficoltà economiche (sempre che 1600 euro al mese per i diritti d'autore possano considerarsi tali!) può benissimo essere considerato una conseguenza delle sue, rispettabili ma né più né meno di tutte le altre, scelte di vita. Come dire: chi è causa del suo mal pianga se stesso... ma non si arroghi poi il diritto di poter chiedere (e magari ottenere) un vitalizio mensile dallo Stato. Il senatore del Pdl Domenico Gramazio, che per altro ha accompagnato il Califfo in Regione, ha dichiarato sempre al Corriere.it: "Ho parlato con il ministro Bondi che ha già dato disposizione al capo di Gabinetto di espletare la pratica per far sì che Franco Califano possa avere accesso alla legge Bacchelli che prevede un massimo di 24mila euro di pensione annuale". E se qualcuno fosse preoccupato per il suo stato di salute (mentale e fisica) sappia che anche il centro benessere Messeguè in provincia di Terni ha mostrato tutta la sua solidarietà al Califfo: "Da noi c'è pronta una stanza per lui, ovviamente tutto a titolo gratuito (ovviamente!) perchè non posso pensare di abbandonare un amico... Può stare da noi tutto il tempo che gli serve per superare questa grande solitudine e malinconia". Franco Califano santo subito!

giovedì 11 novembre 2010

OsX si aggiorna alla versione 10.6.5

Apple ha reso disponibile il nuovo aggiornamento per Mac Os X, che si aggiorna alla versione 10.6.5. Nell’ultima settimana erano state rilasciate agli sviluppatori ben tre beta release, tutte in versione definitiva, indice che la versione finale era vicina. Questa nuova release include numerosi bug-fix e migliorie per la compatibilità, la sicurezza e la stabilità del Mac. Ecco le principali novità introdotte:
  • Migliorata l’affidabilità con i server Microsoft Exchange.
  • Migliorate le prestazioni di alcune operazioni di elaborazione delle immagini in iPhoto e Aperture.
  • Migliorata la stabilità e le prestazioni di applicazioni grafiche e giochi.
  • Risolto un problema di ritardo tra processi di stampa.
  • Corretto un problema di stampa per alcune stampanti HP connesse ad AirPort Extreme.
  • Risolto un problema del trascinamento di contatti dalla Rubrica Indirizzi a iCal.
  • Corretto un problema per il quale trascinando un elemento da una pila, il Dock non può essere nascosto automaticamente.
  • Risolto un problema che causava l’incorretta visualizzazione di informazioni di Wikipedia nel dizionario.
  • Migliorate le prestazioni di MainStage su alcuni sistemi Mac.
  • Risolto un problema di spaziatura con i font OpenType.
  • Migliorata l’affidabilità di alcuni schermi Braille Bluetooth.
  • Corretto un problema di VoiceOver durante la navigazione di alcuni siti web con Safari 5.
La dimensione dell'aggiornamento é di circa 500 megabyte. Per maggiori informazioni potete visitare questo link alla pagina ufficiale di Apple. A breve dovrebbe essere rilasciata anche la nuova versione di iOS 4.2 per iPhone/iPod insieme a iTunes 10.1. Per il momento non ci sono ancora indicazioni ufficiali sulla data del loro rilascio.

mercoledì 10 novembre 2010

Microsoft Kinect in vendita da oggi

È giunto finalmente il grande momento atteso da tutti i possessori italiani di una consolle Xbox360: da oggi é in vendita anche nel nostro paese Kinect! Con la sua uscita cambiano le "regole del gioco"; dopo la rivoluzione lanciata quattro anni fa da Nintendo con la Wii e il lancio di Move da parte di Sony per Ps3 lo scorso settembre, ora anche con la consolle di casa Microsoft sarà possibile "giocare in mobilità", senza avere la necessità di disporre di uno o più joystick. Dotato di videocamera, di un sensore di profondità e di un microfono è anche in grado di leggere e tracciare i movimenti in tre dimensioni, scansionando il nostro corpo nelle sue articolazioni e il nostro volto. Funzionalità che potranno essere sfruttati anche in altre campi che non siano legati strettamente ai videogiochi. Grazie alle due videocamere stereoscopiche VGA e l’ausilio di un sensore di profondità a raggi infrarossi, Kinect riesce a riconoscere il corpo del giocatore sui tre assi e a distinguere le varie giunture del corpo (testa, collo, spalle, polsi, mani, anche, bacino, ginocchia, caviglie e piedi). In questo modo è quindi possibile trasmettere specifici comandi in base ai movimenti effettuati senza l’ausilio di controller aggiuntivi per dare vita ad alter ego virtuali, giocare, navigare nei menù ed utilizzare la dashboard di Xbox 360. Le videocamere vengono utilizzate anche per l’identificazione dell’utente che permette l’abbinamento automatico del profilo giocatore e per la Video Chat tramite Xbox Live e MSN Messenger. La presenza di un sensore a raggi infrarossi permette inoltre l’utilizzo e il funzionamento della periferica anche con fonti di luce molto bassa. Infine, la tecnologia di Kinect comprende anche un microfono a matrice multipla che rende possibile il Controllo Vocale per la navigazione dell’interfaccia della console e i giochi. Una vera rivoluzione nel campo dei videogiochi, iniziata negli anni 80 con le prime consolle che, fino ad oggi, hanno sempre avuto un denominatore comune: il joystick! Forse finalmente potremo perdere anche un pò di peso giocando con i videogiochi. Il suo prezzo di vendita é di150 euro in bundle il titolo "Kinect Adventures"; un prezzo certamente non molto economico. Personalmente non mi affascina molto l'idea di agitarmi come un matto per giocare ad videogioco di ultima generazione, forse per lo stesso motivo per il quale ho regalato a mia sorella il Nintendo Wii: troppo faticoso e noioso se non si gioca in compagnia. Io preferisco ancora rilassarmi stando comodamente sdraiato sul mio divano... chissà se questa volta riusciranno a convincermi e farmi alzare!

martedì 9 novembre 2010

In un momento di difficoltà emotiva

Mi sento quasi in dovere di concludere il post sul "Califfo" con gli ultimi aggiornamenti di cronaca... e poi chiudiamo definitivamente questo squallido spaccato della società italiana. Sembra infatti che Franco Califano NON abbia i requisiti per "invocare" la legge Bacchelli e chiedere un sussidio allo Stato. Ricordiamo infatti che gode di una rendita annuale di 20 mila euro netti. A sostenerlo è lo stesso avvocato del cantante romano, Marco Mastracci, intervistato ieri dal Tg1. Nella sua intervista l'avvocato, che DOVEROSAMENTE é dovuto intervenire per calmare gli animi dopo le dichiarazioni del cantante, prosegue dicendo:

Il cantante ha chiesto il sussidio statale perché a seguito di una brutta caduta non può più fare serate ed è in condizioni indigenti. È vero che è caduto e si è rotto tre vertebre e quindi non può lavorare, però ha tanti amici che gli stanno dando una mano, soprattutto per far fronte alle sue necessità primarie. Il maestro è stato frainteso, sicuramente non si trova per strada. E’ sicuramente in un momento di difficoltà emotiva.

Un applauso (CLAP) per il medico, il cantante e l'avvocato (tirato in mezzo per necessità!) che si sono resi protagonisti per un giorno in quella commedia chiamata Italia.

lunedì 8 novembre 2010

Il crepuscolo del Califfo

Franco Califano, 72 anni, povero e malato, chiede aiuto allo Stato e invoca la legge Bacchelli. La legge n.440 dell'8 agosto 1995 prevede l'assegnazione di un contributo straordinario vitalizio a quei cittadini che si sono distinti nel mondo della cultura, dell'arte, dello spettacolo e dello sport, ma che versano in situazioni di indigenza. Personalmente non ho mai seguito la carriera di quest'artista, anche se devo dire che in alcune uscite televisive mi ha fatto sorridere, forse perché si é "rincojonito der tutto", come si direbbe a Roma! Franco Califano é un mio vicino di casa. Abita nella zona residenziale di Acilia (detta anche "Poggio di Acilia") a non più di 200 da casa mia. La sua abitazione é una villa bellissima e, per quanto risulta a me e agli altri vicini, pare proprio che il bene immobiliare sia di sua proprietà. Ora il "Califfo" lamenta la sua indegenza, e un'unica fonte di reddito proviene dalla Siae (per i diritti d'autore) con un importo netto annuale di 20 mila euro. Da luglio la sua carriera si é interrotta a causa della rottura di tre vertebre, cancellando la sua unica fonte di guadagno. Ora, quest'illustre signore si lamenta di non riuscire a sopravvivere, avendo difficoltà ad arrivare a fine mese. Dopo una vita passata nel mondo dello spettacolo sarà molto difficile e traumatico abbandonare i comodi letti dell'Excelsior o dover rinunciare a pranzi e cene nei ristoranti di lusso. Ancora peggio sarà dover imparare a cucinarsi da soli per poter mangiare, un pò come facciamo noi comunimortali. Non é difficile intuire quali possano essere gli importi percepiti dagli artisti famosi per le loro apparizioni pubbliche. E' giusto mantenere una LARVA come il Califfo (con tutto il rispetto per l'artista, ma non per la persona) che percepisce netti (e sicuri) l'equivalente mensile di uno stipendio netto di 1666 euro? Cosa possiamo raccontare, ma sopratutto, come possiamo giustificarci con quei pensionati che vivono SOLO con un terzo del suo stipendio ed hanno la dignità di rimanere anche in silenzio? E tutti i lavoratori cassaintegrati che devono mantenere una famiglia con ben 800 euro al mese? La risposta é semplice e la soluzione é lampante: non diamoglieli! Non certo per invidia, ma sicuramente per coerenza verso la comunità. Non tutti però hanno la fortuna di avere come medico curante il senatore Domenico Gramazio del Pdl che può prendersi a cuore la nostra situazione. Certo, esiste questa legge e, sembra proprio che il nostro artista possa avere tutti i requisiti per beneficiarne. Intervistato da un giornalista, che giustamente poneva i suoi dubbi sulla "moralità di questo gesto", il senatore Domenico Gramazio conferma:

Presenterò al ministro Bondi la proposta nella quale chiedo di applicare a Califano la legge Bacchelli. Perché è un poeta che ha scritto alcune delle canzoni più belle della storia della musica leggera italiana e si trova in una situazione non florida. Molte persone famose delle sport o dello spettacolo hanno realizzato miliardi e poi, per una serie di ragioni, si sono ritrovate in difficoltà. Ricchi che si sono mangiati tutto. No, non ho dubbi, io vado avanti. E poi è davvero sicuro che la gente la prenderà male? "Califfo" è un eroe popolare. Lo invitai a una festa in piazza Tuscolo a Roma e richiamò cinquemila persone. E poi, anche se la cosa non è rilevante, è sempre stato un uomo di destra in tempi non sospetti.

Franco Califano è un artista molto popolare, ma devo ribadirlo: umanamente mi dispiace (poco) per quest'uomo, ma siamo sicuri che possa meritarsi questo beneficio? Per quanto mi riguarda penso proprio di no! Raccontatelo però voi ai pensionati ed ai lavoratori italiani. Mi permetto anche di aggiungere una chicca presa dal suo sito ufficiale (probabilmente presto sarà anche cancellata!). In questo link alla storia della sua vita, datato 21 gennaio 2008, si scopre che alla lettera D (che stà per DIGNITA') l'uomo da la sua definizione scrivendo:

DIGNITA': Io ne ho da vendere, per quanto riguarda gli altri, mah!

E tutto il resto è noia.

venerdì 5 novembre 2010

La settimana del gusto a Roma

Buone notizie per tutti i golosi squattrinati, soprattutto per quelli che nelle prossime settimane si troveranno a Roma! Dal 15 al 21 novembre, infatti, molti dei locali della capitale aderiranno alla "settimana del gusto". I migliori ristoranti, secondo le guide Michelin, Gambero Rosso, L'Espresso e Slow Food, offriranno un menù al costo base di 25 euro. I ristoranti segnalati con un punteggio superiore a 75 nella guida Gambero Rosso proporranno invece un menu fisso di tre portate a 35 Euro, mentre i locali segnalati dalla guida Michelin offriranno ai partecipanti alla Rome Restaurant Week un menu completo a 10 Euro in più per ogni stella rispetto all'offerta principale. E' questa l'offerta della Rome Restaurant Week, l'evento gastronomico che avrà sede a Roma e che si terrà per la prima volta in Italia. Per sette giorni i ristoranti più esclusivi della città offriranno un menu completo a una cifra molto più bassa rispetto ai normali prezzi. Fino al 21 novembre, prenotando il proprio posto a tavola sul sito ufficiale della manifestazione, si avrà la possibilità di vivere un'esperienza unica nel mondo dell'alta cucina, cenando in luoghi esclusivi. Partecipare è facile, ma occorre essere veloci perché i posti sono limitati!

Il WiFi libero in Italia: ecco come sarà

Il Consiglio dei ministri ha approvato il pacchetto sicurezza messo a punto dal ministro dell'Interno Roberto Maroni. Il pacchetto si compone di un decreto legge ed un disegno di legge. Sono diverse le misure contenute nel provvedimento, ma vorrei spostare la mia attenzione solo su uno dei punti contenuti nel decreto, analizzando la notizia della "liberalizzazione degli accessi alle reti WiFi". Un parolone che dice tutto e non dice niente; se tutto dovesse andare per il meglio, così come "formalmente promesso" dal nostro ministro, le norme che fino ad oggi hanno soffocato le reti senza fili in Italia (con il cosiddetto "decreto Pisanu", in vigore da più di 5 anni), saranno modificate: niente più richiesta di un documento d’identità cartaceo per accedere alle reti WiFi nei locali pubblici e nessun obbligo dei gestori di chiedere l’autorizzazione in questura per fornire il servizio. Non sarà comunque una vera e propria liberalizzazione (così come già sbandierato allegramente in televisione da diversi personaggi) perché, come ben specificato dal governo, "bisognerà contemperare le esigenze della libera navigazione con quelle della sicurezza. Si studierà un modo per identificare i dispositivi attraverso i quali le persone si connetteranno alla Rete senza fili da locali pubblici". Rimane anche in sospeso la definizione delle procedure secondo le quali i vari gestori delle reti dovranno in qualche modo archiviare i log di navigazione dei loro clienti, così come avviene ora. La legge attuale scadrà a fine anno e non verrà prorogata; occorrerà quindi che in pochi mesi vengano definiti chiaramente tutti i punti. La strada é quindi ancora lunga e tutta in salita, ma almeno si sta cercando di fare qualcosa per migliorare e snellire una legge che di fatto in Italia limita e scoraggia la diffusione su larga scala di network WiFi. Basta guardare gli altri paesi Europei o gli Stati Uniti per capire come questa legge abbia fortemente penalizzato il nostro paese. La mia curiosità ora é rivolta ai telegiornali italiani che, in un modo o nell'altro, riusciranno sicuramente a storpiare la notizia, proponendola ai telespettatori in modo completamente differente da quelli che in realtà sono gli intenti (più che lodevoli) del nostro governo.

Skype 5.0 (beta) per MAC

Skype ha reso disponibile la versione beta della release 5.0 del suo client per Mac, allineandosi finalmente alla stessa versione disponibile per Windows (l'ultima versione "stabile" per il Mac é infatti la 2.8). Dopo averla scaricata ed installata sono rimasto un po spiazzato dalla nuova interfaccia e dalla veste grafica rinnovata, che mi é parsa molto meno immediata e un pò simile a mail di Apple; devo comunque dire che questo "restyle" non mi piace molto. Le novità più importanti introdotte in questa versione sono:
  • E' possibile effettuare "chiamate video di gruppo" a più di due contatti Skype contemporaneamente (per un massimo di 10). Sembra comunque che questa opzione sarà a pagamento nelle versioni ufficiali.
  • E' presente un piccolo menu sulle pagine web o sui documenti aperti che racchiude tutte le funzionalità della chiamata (chiusura, mute, etc).
  • E' possibile ricercare "testi" nella cronologia delle chat.
  • Sono state inserite nuove opzioni per la personalizzazione dei contatti.
  • In caso di disconnessione momentanea da Internet la chiamata sarà ripristinata velocemente.
Se volete provare questa versione beta potete scaricarla da questo link. Qualcuno ha notizie di aggiornamenti per Linux?!?

San Francisco vieta l'happy meal

Per combattere l'obesità infantile, a San Francisco saranno vietati gli Happy Meal, i pasti per bambini venduti nei McDonald di tutto il mondo. L'ordinanza prevede anche che i ristoranti possano regalare pupazzetti o altri giocattoli solo se accompagnati a pasti inferiori alle 600 calorie, con meno del 35% di grassi e meno di 500 mg di sodio. Inoltre i pasti per i bambini dovranno includere sempre frutta e verdura. Questa norma entrerà in vigore a partire dal mese di dicembre 2011, e per questo, ci sarà tempo da parte delle varie "lobby" di fare con comodo le loro pressioni nei palazzi del potere, affinché questa ordinanza venga cancellata o fortemente limitata. Lo stesso sindaco di San Francisco ha infatti tentato inutilmente di impedirne l'approvazione. Tuttavia i suoi promotori sottolineano che "i bambini d'America sono malati di obesità" e le statistiche parlano del 30% dei ragazzini americani grassi o sovrappeso. In molti tuttavia giudicano la decisione come un'intrusione nella vita privata delle famiglie. Molti genitori sostengono che spetti a loro decidere per la salute dei propri figli e non ai governi locali. Chi vincerà questa battaglia?

mercoledì 3 novembre 2010

iPhone 5: ecco le succose novità!

Da alcuni giorni leggo su internet (ma anche su testate giornalistiche online di rilievo, come ad esempio "La Repubblica") di articoli che parlano delle future caratteristiche del "nuovissimo" iPhone 5 di Apple. A leggerle quello che viene scritto si può solo sorridere e, proprio per questo, mi sentirei ridicolo se pubblicassi post sull'argomento. Non aspettatevi quindi di leggere anticipazioni tecnologiche in questo post dal titolo "farlocco". Va comunque precisato che tutte queste notizie diffuse in questi giorni non sono mai anticipazioni ufficiali di casa Apple (ovviamente!), ma semplici "rumors" che potrebbero essere confermati solo dai tantissimi brevetti che la società di Cupeertino deposita ogni anno in California. Sembra quasi che le aziende dei settori tecnologici ormai passino gran parte del loro tempo a depositare infinità di brevetti, in modo da "arrogare il diritto" di avere l'esclusiva su una specifica nuova tecnologia, limidando di fatto i concorrenti nell'introduzione della stessa nei loro prodotti. Si tratterebbe quindi di notizie che sono semplicemente frutto di "reverse engineering", prodotte quindi dagli addetti ai lavori solo dopo aver letto la lunga lista di brevetti che ogni anno vengono depositati negli uffici competenti. Non si fa in tempo ad apprezzare quanto di buono é stato fatto con la versione 4 che già ci aspettiamo il lancio del nuovo modello previsto per luglio 2011 e che, nella migliore delle ipotesi, arriverà in Europa verso settembre 2011. Giusto giusto tra non meno di 8/10 mesi! Che follia é questa?!? Una moda collettiva contagiosa o un innamoramento generalizzato per gli economici prodotti di casa Apple? Bha?!? Chi li capisce! Da parte mia, auspico solo che la nuova versione sia almeno un pò più sottile, proprio come il nuovo iPod Touch... vedrete comunque che per l'inizio del nuovo anno sarà presentato una versione 4Gs dell'attuale iPhone, giusto per tenere vivo il mercato delle vendite. Allora ha proprio ragione il nostro amatissimo premier quando se la prende con i giornalisti (comunisti) che rilasciano sempre false notizie... vuoi vedere che magari ha ragione!!! O no?!?

Morto un Paulpo... se ne fa un altro!

Il polpo Paul, l’oracolo dei Mondiali morto due settimane fa, ha un erede. Diciamo la verità, però: distinguerlo dal primo è piuttosto difficile, ma la vera notizia è che l'oracolo è tornato! Il polpo Paul II ha 5 mesi e misura circa 30 centimetri. E' stato presentato in Germania a Oberhausen. A lui saranno affidati i pronostici calcistici, con la speranza che possa emulare il suo predecessore! Resta da verificare se il giovane esemplare abbia le stesse qualità del suo predecessore... ma, intanto, i tifosi tedeschi già tremano!

martedì 2 novembre 2010

L'ultimo volo del Discovery

"Tutto è pronto al meglio per il lancio": lo ha confermato Steve Payne, direttore delle operazioni di lancio nell’incontro mattutino con i giornalisti. Lo shuttle Discovery è pronto sulla rampa di lancio pronto per il suo ultimo suo volo. Il lancio è fissato per mercoledì, alle 20.47 (ora italiana). La finestra di lancio è di dieci minuti, poi si dovrà rinviare di 24 ore. Nella sua stiva è racchiuso il modulo abitabile "Leonardo" costruito dall’A.S.I. (Agenzia spaziale italiana), e sarà trasferito e agganciato sulla stazione orbitale internazionale. All’interno del modulo Leonardo è stato sistemato anche un prototipo di un nuovo robot androide sperimentale, chiamato Robonaut 2. Si tratta di un robot mezzobusto che servirà a collaudare in assenza di gravità alcune operazioni di movimento. Il suo scopo è quello di realizzare in futuro un robot al quale affidare alcuni tipi di lavoro all’interno e all’esterno della base, aiutando in questo modo l’equipaggio. Con questa spedizione lo shuttle Discovery conclude la sua avventura iniziata portando in orbita due satelliti per telecomunicazioni nell’agosto 1984, con la missione in codice STS-41D. L’ultima missione di questi giorni è la numero 39 e con essa conquista il record dello shuttle che più ha volato nello spazio.

lunedì 1 novembre 2010

Cut the rope su AppStore: é stupendo!

Un pò per mancanza di tempo, un pò per dimenticanza, fatto stà che mi sono sempre dimenticato di segnalare un divertentissimo gioco per iPhone/iPod touch: stò parlando di "Cut the rope", prodotto da Chillingo e che é traducibile letteralmente in "taglia la corda". E' un puzzle game molto divertente e ben fatto, disponibile su iTunes al prezzo eccezionale di 0,79 euro! La trama é molto semplice e può essere riassunta brevemente:

Un misterioso pacchetto è appena arrivato da Chillingo e contiene tantissime caramelle destinate al draghetto Om Nom. Il problema principale, però, è che queste delizie sono legate ad alcuni fili e il draghetto non può raggiungerlo. Con dei semplici slice sullo schermo, dovremo tagliare tutte le corde e fare in modo che la caramella finisca direttamente nella bocca di Om.

Non basterà però far cadere semplicemente la caramella nella bocca simpaticissimo draghetto (é importante centrarla perfettamente!), ma sarà necessario anche raccogliere le tante stelline sparse nell’area di gioco che incrementeranno il nostro score, permettendoci solo alla fine di passare alla "scatola" successiva con i nuovi livelli. La cosa bella é che la loro raccolta non é obbligatoria e, infatti, potremo procedere tranquillamente nei livelli successivi contenuti nel "mondo" da noi scelto. E' comunque possibile rigiocare ogni singoli livello, raccogliendo in questo modo tutte le stelline mancanti e necessarie al raggiungimento del punteggio per passare al pacco seguente. Con l'avanzare dei livelli aumenteranno anche le difficoltà, come ad esempio la presenza di barriere elettriche, bolle d'aria e chi più ne ha più ne metta! Inutile aggiungere che nuovi livelli saranno presto disponibili. Un gioco divertentissimo, con una grafica molto piacevole e dalla giocabilità semplice e longeva. Vi garantisco che proverete grande soddisfazione nel vedere il draghetto Om Nom mangiare le sue caramelle... ma anche la sua perplessità per mancato pranzo sarà esilarante! Investite i vostri spiccioli in questo gioco: ne vale veramente la pena!

Facebook mobile event

Nei giorni scorsi Facebook ha fatto pervenire a gran parte dei periodici americani un "misterioso" invito per le ore 10 e 30 (ora locale) del prossimo 3 novembre in cui sono invitati a partecipare ad un "evento mobile" che si terrà a Palo Alto, in California. Non sono state date ulteriori indicazioni, seguendo un pò quello che é lo stile degli eventi organizzati da Apple. Secondo indiscrezioni che ormai circolano da mesi, sembra che potrebbe venire presentato il nuovo telefono che Facebook starebbe sviluppando (segretamente!!!!) assieme al produttore INQ. Secondo altri, invece, potrebbe trattarsi della nuova applicazione del social network per iPad. Ulteriori voci, infine, ritengono che in realtà si parlerà della nuova versione del sito mobile. La curiosità é molta e non ci resta altro da fare che aspettare. Sempre che si sia interesse a scoprire questa "grandissima" novità...

Estrazioni del lotto: la ruota di Napoli

Napoli128560917

Dopo aver pubblicato il post sui numeri di giocare al lotto sulla ruota di Napoli, ecco i numeri estratti... niente da fare: il lotto non é stato sbancato! Neanche un numero di quelli previsti per il compleanno di Maradona é uscito. Resterà comunque l'effetto ed il tributo che la città e dei suoi tifosi hanno voluto dedicare nuovamente al loro idolo.