giovedì 21 ottobre 2010

Italia - Serbia: l'accusa della UEFA

Vittoria a tavolino (3-0) per gli azzurri e tre partite casalinghe a porte chiuse per la Serbia. E, inoltre, l'esclusione con la condizionale per i prossimi due anni della nazionale di Belgrado dall'Europeo e due gare a porte chiuse, sempre con la condizionale, per l'Italia. Sono queste le richieste alla Disciplinare dell'Uefa da parte del procuratore della confederazione europea del calcio, Jean-Samuel Leuba, in merito alla gara tra Italia-Serbia sospesa lo scorso 12 ottobre a Genova. Le sanzioni con condizionale, nell'ordinamento sportivo, diventano effettive solo nel caso di ripetersi dei fatti.

Nessun commento: