martedì 28 settembre 2010

Sony fa causa a tutti per la PS3!

Sony ha deciso di allargare la sua battaglia legale contro il jailbreak per Playstation 3 colpendo anche i distributori. Inizialmente l'azienda giapponese aveva deciso di concentrarsi sui creatori di questi dispositivi ma ora saranno ritenuti responsabili anche i venditori. Recentemente ha vinto una causa in Australia per bloccare la vendita del PS Jailbreak ma, inevitabilmente, subito si sono diffuse nuove soluzioni open source per aggirare le difese della Playstation 3. La battaglia però non si svolge soltanto in tribunale, Sony ha infatti deciso di correre ai ripari creando nuovi firmware in grado di bloccare gli hack tramite chiavette USB (la versione 3.42). Ulteriori aggiornamenti hanno tolto anche la possibilità di collegare joypad e dispositivi non autorizzati, ufficialmente per motivi di sicurezza, poiché "potrebbero esplodere!". La decisione di avviare una causa contro qualunque azienda collegata alla vendita di software o hardware utilizzabile per aggirare le protezioni della Playstation 3 sembra stia avendo i suoi frutti, negando di fatto la possibilità a chiunque di comprare un qualsiasi dispositivo adatto a questo scopo. Credo comunque che difficilmente, alla fine, Sony vincerà la sua guerra contro la pirateria.

Nessun commento: