sabato 30 gennaio 2010

Windows 3.1 da provare online

In tempi in cui i nuovi sistemi operativi implementano architetture a 64bit e multitasking in tempo reale é difficile pensare o ricordare i vecchi sistemi operativi del passato come ad esempio Windows 3.1. Se comunque volete rivivere questa "particolare esperienza" potete visitare il sito di Michael Vincent che è qualcosa di molto simile ad un emulatore di Win3.1 che può benissimo essere considerato il bisnonno degli attuali sistemi operativi prodotti da Microsoft. Troverete più o meno tutte quelle vecchie applicazioni che in quei tempi giravano sui nostri 286 o 386, tra cui anche un prompt Ms-Dos e l'immancabile campo minato! Vista l'inutilità della mia segnalazione, penso proprio che solo la curiosità vi spingerà a visitare questo link!

venerdì 29 gennaio 2010

L'America's Cup gratis in streaming

I "match race" della prossima America's Cup di vela che vedrà opposti (purtroppo) soltanto due sfidanti (gli svizzeri di Alinghi, detentori del trofeo, e gli americani di Oracle) saranno visibili per la prima volta in diretta in streaming video gratis su internet. Le regate della manifestazione velica più importante e antica del mondo sono in programma nelle acque di Valencia a partire dal prossimo 8 febbraio al meglio di tre sfide. Lo hanno annunciato gli organizzatori, che trasmetteranno in diretta le sfide di Coppa America sul sito ufficiale della manifestazione. Dal primo febbraio sarà online il nuovo sito. Questo é il link ufficiale della manifestazione. Buona visione!

Le 5 auto più sicure del 2009

L’Euro NCAP, organizzazione indipendente nata nel 1997 per testare la sicurezza delle auto sul mercato, ha indicato le cinque vetture più sicure tra quelle lanciate nel 2009. La classifica tiene conto dei risultati ottenuti in termini di sicurezza in quattro test: protezione adulti, bambini e pedoni, e verifica della reale efficacia dei sistemi di sicurezza presenti a bordo. Al primo posto si è classificata la nuova Volkswagen Golf che oltre ad essere l’auto più venduta in Europa, diventa così anche quella più sicura. In particolare la Golf ottiene il miglior punteggio nel test sulla protezione degli adulti e un ottima votazione su quello per i bambini. Al secondo posto c’è l’ibrida Honda Insight: in questo caso la scelta dell’ibrido "low cost", accessibile a tutti, non compromette la sicurezza a bordo e fuori. L’Insight è anche l’auto che ha registrato il miglior risultato nella prova dei pedoni. Al terzo posto l’altra ibrida, la Toyota Prius, a conferma che "verde" significa anche sicurezza. In particolare per Toyota, visto anche il quinto posto a pari merito dell’Avensis, è una parziale piccola rivincita nei confronti del richiamo di oltre 6 milioni di auto, dovuto alla difettosità del pedale del gas, partito in questi giorni dagli Stati Uniti e ora esteso anche ad Europa e Cina. Il quarto posto é della Hyundai i20. Curiosità finale: chi c’è agli ultimi posti? Solo 3 stelle per due auto giapponesi: la Suzuki Alto e la Toyota Urban Cruiser. Ora chi lo spiega a mio padre che ha comprato da poco l'Urban Cruiser?

mercoledì 27 gennaio 2010

Ecco l'iPad di Apple: addio al mouse!

Dopo mesi di attesa é stato presentato ufficialmente il nuovo tablet di Apple: si chiamerà iPad! Come vuole la tradizione é stato lo stesso Steve Jobs a presentarlo. Uguale a un iPhone, sì, ma intendiamoci, non l’iphone come lo usano in tanti, senza mai connetterlo a un computer e senza mai farlo dialogare con la rete. Ora avremo da una parte il computer di casa, dall’altra la rete, dove si compra, si comunica e si lavora. Un "netbook di lusso" che può attingere a 140 mila applicazioni già messe a punto dagli sviluppatori (mantenendo infatti la compatibilità con iPhone) per dare il massimo della portabilità e della facilità d'uso. Tutto potrebbe riassumersi nella frase più volte ripetuta "it just feels right as you're holding the internet in your hands". Ma la grossa novità, forse é proprio nella batteria: 10 ore di autonomia! Sicuramente sarà un'ottimo strumento per la condivisione di qualunque tipo di dato: musica, video, mail, foto, giochi. Incorpora iTunes in una veste grafica completamente inedita ed appositamente pensata per il nuovo formato. Anche YouTube è integrato con il nuovo formato HD. Il dispositivo si sblocca come iPhone (utilizzando la classica slide) ed integra Safari in versione mobile più evoluta rispetto a quella di iPhone ma anche questa volta ancora nessuna integrazione con Adobe Flash!


Dopo questa breve introduzione guardiamo ora le sue caratteristiche tecniche: schermo da 9,7 pollici, 1,4 centimetri di spessore ed un peso di circa 680 grammi. Il processore è prodotto da Apple e si chiama A4 (1Ghz di clock). Dispone di una memoria flash da 16, 32 o 64GB. E' possibile utilizzare la versione più veloce del wi-fi (802.11n) ed incorpora il bluetooth. Multitouch, accelerometro, bussola digitale, connessione a una docking station completano la configurazione standard dell'iPad. Sarà disponibile in due versioni e in tre formati per un totale di sei diverse configurazioni. La versione “solo WiFi” è dotata di connettività WiFi 802.11n e di un modulo Bluetooth 2.1. La versione 3G, invece, dispone anche di una parte telefonica con alloggiamento per le nuove micro-SIM GSM capace di connessione dati in 3G. Tutti gli iPad saranno privi di limitazioni operator lock o sim lock, ciò non toglie che all’aquisto sarà possibile abbinare un piano dati con AT&T al costo di 29$. A partire da giugno saranno annunciati gli accordi con gli operatori internazionali e, speriamo, verrà seguita la stessa "politica" utilizzata in America lasciando libero l'utente di scegliere se abbinare o meno un piano telefonico. Ecco ora la frase con cui é stato presentato il prezzo di questo dispositivo:



L’iPad costerà 499$ nella versione base da 16 GB, 599$ per il modello da 32 GB e 699$ per quello da 64 GB. Per la versione 3G bisognerà spendere 629$ per 16 GB, 729$ per 32 GB e 829$ per il modello da 64 GB. L’iPad WiFi sarà disponibile per l’acquisto fra 60 giorni. Per la versione 3G, invece, sarà necessario attendere 90 giorni. Insomma un bel giocattolino presentato al mondo con tutti i lustri. Quello che io mi chiedo é se poi ci servirà veramente. La versione standard é presentata a 499 dollari (e poi in Europa ce lo faranno pagare caro, convertendo, come sempre, il dollaro alla pari con l’euro!) ma disporremo soltanto di una connessione WiFi e di 16gb di spazio disco. Un po pochini per sfruttare tutte le sue potenzialità! Arriveremo quindi a spendere quasi 1000$ per disporre di uno strumento più performante. Mi chiedo anche chi di voi disponga di tasche abbastanza grandi per infilarci uno schermo da 10 pollici che pesa circa 7 etti! Insomma, facciamo i comlimenti ad Apple per la presentazione e per l'idea che é alla base del suo nuovo prodotto, ma fermiamoci veramente a riflettere se ne vale la pena spendere tutti questi soldi per leggere libri e notizie in formato digitale: infondo é sempre il consumismo che crea le necessità ma potrebbe essere una novità che cambierà il nostro modo di pensare ai computer.

Gli stipendi dei top manager

In questi giorni é in discussione al Senato un emendamento alla legge comunitaria che permetterà di passare ai "raggi X" i compensi dei manager delle società quotate. Dovranno essere comunicati pubblicamente non solo gli stipendi dei top manager, ma anche "la politica in materia di remunerazione", ovvero il modo in cui si arriva a costruire lo stipendio annuo di un amministratore delegato o un presidente: in altre parole qual'é la parte fissa e quale variabile, come viene calcolata e a quali parametri viene indicizzata quella variabile (ad esempio le stock option), e se tali parametri sono a breve o lungo termine. Non solo, cresce anche il peso dei soci nel processo decisionale: spetterà infatti all'assemblea degli azionisti l'ultima parola "nell'approvazione della politica di remunerazione". Già adesso il regolamento Consob prevede la pubblicazione di una relazione sulle remunerazioni dei top manager ed esiste un codice di autodisciplina adottato praticamente da tutti i grandi gruppi nazionali. Ovviamente tutto questo é su base facoltativa; con questo emendamento, oltre a diventare obbligatoria ai sensi di legge, la pubblicazione degli stipendi diventa ancora più dettagliata. Un pò di trasparanza imposta a quelle "facce di bronzo" non farebbe male!

Il giorno della memoria

La PS3 é stata finalmente "bucata"?

Sembra proprio che il sistema di sicurezza implementato sulla Playstation 3 per evitare l'utilizzo di dvd e giochi non originali incominci a vacillare! George Hotz, già famoso per aver trovato il sistema per "bucare" la prima versione dell'iPhone, ha recentemente dichiarato di aver trovato un modo per ottenere permessi in lettura e scrittura nell'intera memoria di sistema della Ps3. Sono anni infatti che gli hacker cercano di bucare il sistema di protezione della PS3 ma, almeno fino ad oggi, nessuno era riuscito in questa impresa. Il suo lavoro non é stato ancora completato (ha impiegato circa 5 settimane!) e, per sua ammissione, ha dichiarato che pubblicherà online la sua "ricerca" appena sarà terminata. Se quanto affermato da George Hotz fosse vero la Sony dovrebbe veramente incominciare a preoccuparsi e, credo proprio, che le vendite dei masterizzatori BlueRay saliranno alle stelle, aprendo nuovi scenari per tutti i videogiocatori di questa fantastica consolle. Potete leggere la sua intervista lasciata alla BBC in merito a quest'argomento da questo link. Ah! Dimenticavo: penso proprio che anche io ora troverò uno "stimolo" per comprarla!!!

lunedì 25 gennaio 2010

Un "logo" fatto in famiglia!

Eccolo qua: vi presento il nuovo "avatar" personalizzato che da oggi contraddistiunguerà il mio profilo "blogger" ma sarà anche il logo ufficiale di questo blog! Spero solo che leggendo la parola "avatar" non riconduciate il tutto allo splendido film diretto da James Cameron ma pensiate semplicemente al significato più informatico del termine. Questo disegno é un piccolo regalo che mi ha fatto su richiesta mio cugino Ettore! Se volete maggiori informazioni sulle sue realizzazioni potete visitare questo link. Grazie Ettore!

La sindrome da classe economica

Centimetri che cambiano la vita. Sono quelli che separano i sedili in classe economica. Determinanti per la qualità del volo e il benesse­re del viaggiatore. Se lo spazio tra le file è risicato au­menta la probabilità di scendere ac­ciaccati al termine del volo e, nel peggiore dei casi, potrebbero presentarsi patologie ben più gravi, come un'embolia polmonare (capita a 27 persone ogni milione) o una trombosi venosa profonda (5 su un milione). E' questa infatti la conseguenza estrema della sindrome da clas­se economica, ma ormai non é più una notizia da prima pagina. Viene quasi da pensare che i biglietti a basso costo siano quasi una scommessa sul proprio stato di salute! La sindrome da classe econo­mica é influenzata anche dalla durata del viaggio (se superiore a sei ore) dalla scarsa di­sponibilità di spazio, obesità, fumo, vene varicose, età sopra i 65 anni. Per prevenire i distur­bi gli esperti consigliano di be­re molta acqua durante il volo, evitare alcolici, muoversi fre­quentemente, togliere le scar­pe, usare calze a rete (perché svolgono un’azione di conteni­mento sulle gambe), evitare di indossare calze con elastico. Ol­tre alla distanza tra sedili é importante valutare alche quanto essi siano reclinabi­li perché a volte ci ritroviamo letteral­mente schiacciati dallo schiena­le di fronte a noi e, anche chi non soffre di claustrofobia, tra­scorre dei brutti momenti. Probabilmente vi chiederete perché oggi stò pubblicando questo post? Bhe, diciamo che é un piccolo reminder "a scopo personale" a seguito della mia ultima esperienza di volo con US Airways su una tratta intercontinentale... probabilmente una delle peggiori compagnie di volo tra quelle statunitensi per scomodità dei posti a sedere! L'immagine che pubblico é invece il frutto di uno studio internazionale che indica le migliori e le peggiori compagnie in merito alla comodità del volo. Non ci sono grosse novità, poiché penso che tutti ne siamo già al corrente (per esperienza personale) ma é bene tenerselo a mente, soprattutto quando il risparmio di pochi euro ci spinge a scegliere una compagnia aerea a discapito di un altra.

Possiamo parlare d'altro?

Secondo la rivista "News of the World" Brad Pitt e Angelina Jolie si stanno separando. Questa si che é una notizia! Cavolo! Da giorni ovunque posi il mio sguardo su internet non si parla d'altro. Non é neanche ufficiale (!!!) e, anche se lo fosse, si parla solo di aria fritta. Come divideranno il loro patrimonio? Come faranno i figli? Dove andranno a vivere? "Angelina e Brad: è rottura?". Non sarebbe meglio scrivere "Angelina e Brad: che rottura!". Per tranquillizarvi vi informo comunque che i due hanno deciso che lei avrà la custodia completa dei 6 bimbi ma che Brad non sarà escluso dalla loro vita. Dopo tanta pubblicità gratuita, qualcuno di voi riesce a ricordarsi qualche film decente in cui la bellissima Angelina recita? Forse la mia memeria perde colpi, proprio come l'hard disk da 1 terabyte del mio pc, che tra qualche ora smetterà completamente di funzionare: questi si che sono problemi!

venerdì 22 gennaio 2010

E' stato rilasciato Firefox 3.6!

E' disponibile Firefox in versione 3.6. Le novità introdotte in questa nuova versione sono:
  • personas: permette di personalizzare l'aspetto di Firefox selezionando nuovi temi chiamati appunto Personas, il tutto con un unico click e senza dover riavviare l'applicazione;
  • plugin Updater: al fine di proteggere il sistema contro potenziali vulnerabilità, Firefox ha ora la capacità di rilevare i plugin obsoleti;
  • migliorata la stabilità, riducendo significativamente gli episodi di crash causati da software prodotto da terze parti, senza tuttavia sacrificare l'estensibilità del browser.
Sembra inoltre che sul piano delle prestazioni Mozilla dichiari un incremento del 20% per Firefox 3.6 rispetto alla versione precedente. In particolare sono state migliorate le performance dello script Java, la reattività generale del browser e i tempi di avviamento del programma. E' stato inoltre introdottoil supporto alle più recenti specifiche HTML5. La prossima release attesa per Firefox sarà la 4.0 e non la 3.7 e fino a tale momento gli sviluppatori si limiteranno a fornire una serie di update, tra i quali si attende l'implementazione del cosiddetto codice "Lorentz" attraverso il quale Firefox gestirà i plugin in thread separati a tutto vantaggio della stabilità operativa. Potete scaricare il browser direttamente da questo link.

George Orwell: le sue regole

giovedì 21 gennaio 2010

Il cellulare Microsoft: lo ZunepHone

Da alcuni giorni qualche buontempone deve aver messo in rete la notizia che anche Microsoft stia lavorando ad un progetto sulla telefonia mobile sfruttando il suo player multimediale: lo ZUNE! Al solo pensiero mi viene da ridere!!! Ma come lo chiameranno: lo ZunepHone?!? Ahahaha! Che risate... e pensare che proprio la scorsa estate Microsoft aveva messo in vendita la nuova versione del suo player, chiamato Zune HD, ad un prezzo inferiore rispetto a quello dell'iPod; sembra però che nessuno si sia interessato a questo prodotto, finendo anche al penultimo posto nelle vendite tecnologiche nel periodo natalizio su Amazon. In questo momento non credo proprio che Microsoft sia interessata ad investire ulteriori soldi su un prodotto così poco apprezzato dagli utenti. Staremo a vedere!

mercoledì 20 gennaio 2010

Una foto per il giorno

La foto che pubblico oggi l'ho scattata con il mio iPhone. Non ha nessun significato e sicuramente non é un'opera artistica, ma sono molto soddisfatto per come sono riuscito a catturare la luce con l'ottica fissa del mio fidato cellulare. Quello che vedete in questa foto non é altro che un primo piano della nostra colazione che, puntualmente, ci facevamo "consegnare" in camera ogni mattina durante la nostra crociera ai caraibi.

martedì 19 gennaio 2010

Come see our latest creation

Apple ha ufficialmente confermato l'evento del prossimo mercoledì 27 gennaio allo Yerba Buena Center for the Arts a San Francisco per le ore 10 (Pacific time) per la presentazione di nuovi prodotti, togliendo ogni dubbio a quanto si era ipotizzato nel corso delle passate settimane. Tra le novità più attese (ma non confermate) dovrebbe esserci la presentazione del nuovo iPhone OS 4.0 (senza nessuna novità dal punto di vista dell'hardware) ma in particolare si aspetta di vedere il nuovo e "chiacchieratissimo" tablet. Verrà inoltre presentata la suite iLife '10. L'invito consegnato agli addetti della stampa recava come titolo: "“Come see our latest creation”. Un titolo che, comunque, lascia ben sperare!

lunedì 18 gennaio 2010

Avatar... vogliamo parlarne?

Oggi sono riuscito finalmente a vedere Avatar. Non voglio rovinarvi la sorpresa raccontandovi qualche scena del film ma vi garantisco cha la sua visione é veramente un'esperienza da provare .Dopo averlo visto mi sono catapultato su youtube per cercare qualche spezzone del "making off" e penso proprio che questa volta il regista ed il suo staff si siano veramente superati. Hanno fatto uso della tecnologia digitale in modo quasi "sconsiderato" ed in fase di post-produzione sono riusciti a "montare" un film con una trama veramente accattivante. A questo punto mi sembra proprio inutile parlare dell'impatto visivo e della scenografia elettronica che é stata realizzata. Fermo qui ogni mio commento perché non potrei fare altro che ripetermi. Andatelo a vedere e godetevi questa stupenda esperienza cinematografica!

domenica 17 gennaio 2010

La lista degli amici di Facebook

Capita spesso, utilizzando Facebook, di veder diminuire il numero degli amici presenti nella propria lista senza riuscire a capire (almeno in tempi rapidi!) chi tra loro si sia ritirato. Una bella impresa, soprattutto se il numero dei contatto é molto elevato. Per risolvere questo problema ho scoperto un'applicazione molto utile che ci aiuta proprio in questo: scoprire quale persona ci ha rimosso dalla sua lista di amici. Vi informo comunque che quest'applicazione funziona soltanto con il browser Mozilla Firefox. Provvedete quindi ad installarlo quanto prima. Ora non dovrete fare altro che:
  1. scaricare ed installare il componente aggiuntivo per Firefox chiamato Greasemonkey;
  2. riavviate il browser Firefox;
  3. installare lo script Facebook Friends Checker.
Una volta installati con grande semplicità questi due componenti disporrete di un comodo strumento che vi terrà aggiornati sullo stato dei vostri contatti. Ogni volta che qualcuno vi rimuoverà dalla lista dei suoi amici vi verrà segnalato in modo chiaro ed evidente!

iPhone 3gs Vs Google Nexus One

Eccovi un bel video completamente in italiano della durata di circa 11 minuti in cui trovate un bel confronto tra l'iPhone 3gs ed il nuovo Google Nexus one. Può sicuramente esservi d'aiuto nel caso siate indecisi su quale comprare. Io, ad essere sincero, non avrei comunque dubbi: iPhone!

sabato 16 gennaio 2010

Rilasciato Skype 1.3 per iPhone

E' stata appena rilasciata la nuova versione di Skype (aggiornata alla release 1.3) per iPhone. I miglioramenti rispetto alla versione precedente sono minimi e riguardano semplicemente due novità:
  • inserita la modalità landscape per la chat;
  • aggiunti consigli e suggerimenti.
Così come già successo per Fring, speriamo che quanto prima vengano inserite anche le videochiamate (visto l'hardware attualmente disponibile sarà possibile vedere soltanto la persona chiamata se questa dispone di una webcam). Siamo comunque tutti in attesa di vedere il nuovo iPhone 4G, sperando che questa volta venga inserita anche una videocamera frontale in modo da poter sfruttare nel modo più completo questo software!


IE: nuova falla nella sicurezza

Un nuovo allarme sui pericoli dell'uso del browser Microsoft Internet Explorer è stato lanciato oggi in Germania. Secondo Spiegel online il BSI (l'Autorità federale per la sicurezza nella tecnologia dell'informazione) ha avvertito che l'uso di questo browser è sconsigliabile, ed è preferibile usare browser alternativi, finché il problema non verrà risolto. E' stata infatti trovata una nuova falla nella sicurezza che permetterebbe di lanciare attacchi DOS e installare programmi ostili su computer con sistemi operativi Microsoft Windows. Insomma, sempre il solito vecchio (e conosciutissimo!) problema. Le versioni di Internet Explorer esposte a rischio sono la release 6, la 7 e la 8 sui sistemi operativi Windows XP, Vista e Windows 7. Al momento non è ancora disponibile una patch. L'avvertimento del Bsi è posto in relazione con gli attacchi di hacker condotti negli ultimi giorni contro i sistemi informatici di alcune aziende americane. Ormai questo tipo di notizie non fanno neanche più notizia e le pubblico giusto per "dovere di cronaca"! Comunque, per chi fosse interessato a leggere la notizia completa in lingua tedesca, questo é il link.

venerdì 15 gennaio 2010

iPv6: un nuovo rinvio

Il 2010 era stato indicato come l’anno del passaggio definitivo dall'attuale iPv4 al nuovo iPv6, ma sembra proprio che dovremo attendere ancora un pò prima di vederlo definitivamente operativo (al momento la proroga sembra essere di altri due anni). I nuovi studi effettuati dalla I.A.N.A. (Internet Assigned Numbers Authority) indicano infatti che l’attuale richiesta di classi per gli indirizzi IP permetterà di arrivare alla fine del 2011 senza grossi problemi, grazie anche al "recupero" di classi non più utilizzate. L'adozione e l'implementazione di questo nuovo protocollo internet sembra che sia seguita con molta lentezza da parte dei singoli provider anche se, dal punto di vista degli utenti, la migrazione sarà trasparente poichè già tutti i sistemi operativi sono in grado di supportarlo. Come al solito solo in Giappone (e in qualche altra parte dell'Asia) hanno recepito ed implementato questa nuova architettura, utilizzandola anche per la distribuzione dei programmi televisivi. Il passaggio ad iPv6 é un passo fondamentale per il progredire della tecnologia e non può essere di certo ignorato.

La Siae e l'equo compenso

L'equo compenso. Una tassa che fino ad oggi gravava soltanto sui CD, iDVD ed i masterizzatori. Un balzello che tutti i produttori tecnologici in Italia devono pagare alla Siae. Un balzello che inevitabilmente ricade sugli utenti italiani che vogliono utilizzare quelle tecnologie per disporre di una legittima copia personale di CD o DVD acquistati legalmente. Un balzello che comunque esiste in gran parte dei paesi europei, ma con finalità e percentuali inferiori rispetto a quelle del nostro paese. Con il decreto firmato il 30 dicembre 2009 dal ministro dei Beni e delle attività culturali Sandro Bondi verrà esteso anche ai cellulari, decoder, computer, lettori mp3 o, più in generale, qualunque dispositivo dotato di memoria. Un bel regalo del nostro governo alla Siae. Anche in altri Paesi europei esiste l'equo compenso, ma non a questi livelli e non esteso a così tanti prodotti. Con questa assurda tassa in Italia l'industria e/o i consumatori finanzieranno la Siae anche per prodotti che non c'entrano nulla con la copia privata; o che c'entrano solo marginalmente. È raro, in effetti, usare la memoria di un cellulare per ospitare copia della musica comprata su cd; ancora più improbabile che lo si faccia per i film in dvd. Impossibile, inoltre, usare l'hard disk di un decoder Sky per questi scopi. Eppure l'equo compenso si applicherà anche a tali prodotti. Il decreto contiene i dettagli del compenso per ciascun prodotto. In alcuni casi, come i cellulari, c'è una somma unitaria di 90 centesimi su ogni prodotto venduto. Per altri prodotti, come ad esempio gli hard disk esterni o interni e la chiavette Usb, c'è una quota in centesimi per ogni gigabyte. La pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale è prevista a giorni e subito dopo diventerà effettivo. Con buona pace di chi, come Altroconsumo e l'associazione confindustriale Asstel, si era opposto con tutte le forze al decreto, nelle scorse settimane. A questo punto si rende veramente necessaria una riforma che risolva il problema di un Ente Pubblico, la SIAE, che agisce "nell'interesse e per conto" dei suoi soci (privati), prevenendo i possibili conflitti di interesse nei confronti di chi socio non è e non può o vuole esserlo. Ma come al solito é sempre il profitto a guidare i nostri intenti.

La TV in streaming é gratis

Da qualche giorno cercavo un'applicazione per seguire i programmi televisivi del digitale terreste tramite streaming internet direttamente sul mio PC. Non che ci sia niente di interessante da seguire ma, magari, può tornare utile in ufficio! Il frutto della mia ricerca si chiama TVLC e vi garantisco che funziona molto bene, oltre al fatto di essere completamente gratuito. Se siete soliti consultare le liste dei canali TV in streaming, troverete questo programma veramente comodo. Non sono richieste infatti pennette usb DVB-T o altro hardware aggiuntivo, ma soltanto un a connessione internet. L'unico difetto che ho trovato é che é stato sviluppato esclusivamente per sistemi operativi Microsoft Windows e, al momento, non saprei darvi indicazioni per programmi equivalenti per ambienti Linux o Apple. TVLC si basa sul player VLC e ha un’interfaccia grafica a bottoni che permette di selezionare in modo diretto e semplice il canale che si desidera vedere. I canali diponibili sono più di una ventina e, dopo una breve attesa per il "buffering" (e senza rallentamenti), sarà possibile seguire sul proprio monitor i principali canali televisivi trasmessi in chiaro della programmazione televisiva italiana. Al momento in cui scrivo esistono due versioni del programma. La prima (denominata "portable") non prevede nessun tipo di installazione. La seconda, attualmente in release 2.0, invece prevede un semplice setup di installazione. Tra le funzionalità aggiuntive troviamo il televideo e la possibilità di salvare i filmati o fermi-mmagine. Vi segnalo però che durante l'installazione della verione con setup il mio antivirus ha rilevato un programma Malware sconosciuto (il file é MSMEDIAPLAYER.APO) Aggiornate quindi per tempo il vostro antivirus! Potete scaricare una delle due versioni direttamente da questo link al sito ufficiale. Vi ricordo inoltre che le dirette dei canali in streaming della Rai sono visibili soltanto per il territorio italiano. Può anche capitare che la Rai o altre emittenti decidano di sospendere, temporaneamente, i link alle loro trasmissioni.

giovedì 14 gennaio 2010

L'opinione va guidata e censurata

Il titolo che ho deciso di mettere a questo blog riassume in sintesi la risposta del governo cinese alla decisione di Google di sospendere i suoi filtri sulla censura. Il governo cinese aggiunge anche che la navigazione su internet nel suo paese è libera, a patto che le aziende che vi operano rispettino le leggi in vigore; imponendo quindi i filtri voluti dal regine. Quest’imbarazzo trasparente, unito alla determinazione di andare avanti per la propria strada, lasciano poche scelte a Google ponendola difronte alla scelta di dover rinunciare a questo ricco mercato internet che, in prospettiva, dovrebbe esplodere portando grossi guadagni agli investitori. A scatenare la reazione di Google é stato un attacco di pirati informatici che sono riusciti ad accedere a segreti industriali molto delicati, come algoritmi, dati operativi e codici di programmi di varie aziende (tra cui, appunto, Google ma anche Adobe). Ma uno degli obiettivi primari degli hackers era di accedere agli account Gmail degli attivisti di difesa dei diritti umani cinesi. Un attacco che si é svolto (pare) tramite semplici email di phishing e non con una forzatura diretta dei sistemi di sicurezza informatica. E' comunque impensabile che Google rinunci al mercato cinese per difendere la libertà della Rete; é impensabile anche che la Cina rinunci alla tecnologia di Google. Un compromesso, probabilmente, si cercherà e si troverà... ma sarà vantaggioso anche per gli utenti? Bhe, almeno per ora (e per un po' di tempo!) i navigatori cinesi godranno di una libertà mai assaporata prima, avendo la possibilità di fruire di ricerche libere da filtri imposti dal governo!

mercoledì 13 gennaio 2010

Ecco come sarà l'iPhone 4G!

In articolo pubblicato sul Korea Times (ma come fanno a scopirere queste notizie?!?) si afferma con estrema certezza che l’iPhone di quarta generazione potrebbe essere introdotto molto presto, addirittura ad aprile, e che porterà con sé una gran quantità di nuove caratteristiche. La nuova generazione di melafonino dovrebbe apportare un salto tecnologico di tutto rispetto: schermi OLED, funzionalità di VideoChat, Flash LED, fotocamera da 5 Megapixel, processori Dual Core, sottosistema grafico più potente e una batteria rimovibile. Il tutto, disponibile già da aprile per una “ristretta cerchia di utenti”, e da giugno per il grande pubblico. Come sempre le notizie sui nuovi prodotti Apple si susseguono a ritmo tambureggiante ma solo il tempo darà ragione a tutti questi maghi delle previsione. Riporto questa notizia giusto per dovere di cronaca e sono certo che fino alla data dell'effettiva presentazione di "balle" su quest'attesisimo telefono se ne sentiranno tante!!!

Un volante per l'iPhone!

Il funzionamento probabilmente non sarà dei migliori ma l'idea é certamente originale! Eccovi un video amatoriale prodotto da un utente che mostra l'uso di un volante realizzato completamente con i mattoncini della Lego per poter giocare in "tutta comodità" con il proprio iPhone. Da premiare é sicuramente l'originalità!

martedì 12 gennaio 2010

Spider-Man 4 é naufragato

Il progetto del nuovo film "Spider-Man 4" rischia proprio di naufragare, se non nella produzione (che andrà comunque in porto) nella bontà del progetto. Perdere il regista e il protagonista nello stesso istante è infatti un colpo duro da assorbire. Intanto la data di uscita del film è stata spostata dall'estate del 2011 a quella del 2012. Niente Spider-Man 4 quindi per Tobey Maguire (il protagonista principale) e Sam Raimi (il regista dei tre precedenti capitoli) e niente Spider-Man 4 per il pubblico. Dopo essere stato più volte rimandato, il nuovo film dedicato al supereroe Marvel è stato cancellato dalla Sony. Nell’estate del 2012 uscirà comunque un film dedicato all’Uomo Ragno, ma con una trama completamente differente da quella che si sarebbero attesi i fans (me compreso!). Peter Parker tornerà al liceo e sarà un teenager che cerca di conciliare i problemi tipici della sua età con i superpoteri. E' questa la soluzione trovata per evitare che Tobey Maguire e Kirsten Dunst debbano tornare a vestire i panni di Peter Parker e Mary Jane Watson. A leggerla così non sembra proprio che sarà un gran film!

domenica 10 gennaio 2010

Com'é dura l'avventura!

Sono tornato e, lentamente, stò riprendendo il mio normale stile di vita. Ho seguito con aria molto distaccata gli avvenimenti italiani di queste ultime settimane (che vacanza sarebbe altrimenti?) e, ad essere sincero, a quasi due giorni dal mio rientro, non ho ancora voglia di accendere la televisione o leggere i giornali. Non so se é apatia o più semplicemente "stress post vacanza", fatto stà che non sento proprio la necessità di immergermi nuovamente nella realtà italiana. Sono stato in America e, ad essere sincero, un pò mi é passata la voglia di visitare nuovamente questo paese, almeno per quel che riguarda le destinazioni più comuni (ne sono veramente convinto?!?). Sarà stato il lungo e forzato contatto con gli americani ma credo di essermi preso una piccola allergia a questo popolo: possibile che non faccia altro che pensare a bere e mangiare? Un amico oggi mi ha chiesto: "Allora, come si vive l'Italia da lontano?". Bene, gli ho risposto, peccato solo che ci siano troppi italiani in giro! Nei pochi giorni del mio soggiorno a Miami mi sembrava proprio di stare in centro a Milano perché si sentiva parlare quasi solo persone con accento milanese! Rimango comunque sempre della mia idea che le vacanze con gli italiani all'estero (siano essi meridionali o settentrionali) non siano il massimo del divertimento. Possibile che partano per queste mete soltanto buffoni e zoticoni? Spero di non essere il solo ad avere la sfortuna di incontrare queste persone! ...ma ormai sono diventato abilissimo a confondermi nella mischia! Bhe, ora devo smettere di pensare alle ferie e mettermi quanto prima a scoprire dove possa essere finito il mio PC portatile e prepararmi per il lavoro di domani... le mia avventure sono terminare ma non mancherò di pubblicare qualche nuova fotografia su questo blog. Ecco, ho proprio incominciato bene il mio 2010 italiano: lamentandomi dei soliti luoghi comuni! Che brutta cosa la vecchiaia!

...anche queste vacanze sono finite!

Come promesso eccomi nuovamente online! Il volo per il rientro a Roma é stato lungo ed impegnativo: quasi 24 ore di viaggio per tornare da Miami e, tutto questo, per uno scalo "improvvisato" di 7 ore a Filadelfia. Comunque, per quanto riguarda i controlli ed il check-in in America non é ancora cambiato niente rispetto a prima. Non fatevi prendere dal terrore! E da domani si ricomincia anche a lavorare: é proprio giunta l'ora di rispolverare la sveglia sul mio comodino! Fino alla prossima estate sarà difficile disporre del mio tempo come più mi piace, soprattutto perché i "ponti" per le vacanze in questo lungo 2010 saranno veramente pochi. Ah! Dimenticavo: buon anno a tutti!