venerdì 30 ottobre 2009

Iscriviamoci alla DUREX ACADEMY

Se siete interessati a proporre la vostra candidatura come collaudatori ufficiali di produtti DUREX vi consiglio di affrettarvi e di visitare quanto prima il link ufficiale dell'evento! Se invece siete acora indecisi e cercate ancora motivazioni per proporre la vostra candidatura, eccovi sei interessanti "stimoli" che vi faranno sicuramente cambiare idea!
  • Sarai il Collaudatore o la Collaudatrice Durex per tutto l'anno 2010, riceverai una fornitura di tutti i prodotti Durex per tenerti sempre in forma.
  • Diventerai consulente speciale di Durex per la creazione e lo sviluppo di nuovi prodotti.
  • Collaborerai alle attività di comunicazione di Durex.
  • Contribuirai in prima persona alla missione di Durex: diffondere il benessere degli individui attraverso il miglioramento della vita sessuale.
  • Darai consigli, scriverai articoli e recensioni sul mondo Durex.
  • Potrai vincere 5.000€ da spendere in splendidi weekend per 2 persone, dove potrai mettere in pratica i tuoi studi!
E poi, in periodi di crisi come ora, dove lo trovate un lavoro migliore?!?

In Italia 464 milioni di email al giorno!

Nelle nostre caselle di posta elettronica troviamo ogni giorno (al "netto" dello spam) qualcosa come 464 milioni di email, pari a una media di 19,1 messaggi per ogni utente italiano. A contare la nostra posta elettronica è stata una ricerca fatta dall' European Email Marketing Consumer Report, che ha analizzato l'uso dell'email in un campione rappresentativo di 4.750 internauti in Italia, Spagna, Francia, Germania e Gran Bretagna. Nelle cinque nazioni europee le email ricevute quotidianamente raggiungono i 4 miliardi! Gli utenti tedeschi ne raccolgono 1,23 miliardi, seguiti dai francesi (1,04 miliardi) e dai britannici (933 milioni). Dopo di noi soltanto la Spagna, con 357 milioni. Quanto al numero di messaggi per utente, l'Italia è ultima e ben al di sotto della media, che è di 28 messaggi, mentre capolista è la Francia, con 35,3. Ad accomunare tutti è però il numero medio di indirizzi email per ogni utente: spagnoli, inglesi e francesi ne hanno 2 a testa; italiani e tedeschi 2,3. Nei cinque Paesi esistono oltre 300 milioni di caselle di posta elettronica attive. In Italia ce ne sono 56 milioni, in Francia 58, nel Regno Unito 61, in Germania 99 e in Spagna 32 milioni. In questo link potete trovare il documento ufficiale con tutti i dettagli per quanto riguarda l'Italia.

Un forte calo nelle vendite della WII

Parliamo ancora del settore dei videogiochi e, in particolare, della Nintendo. Sembra proprio che la casa giapponese si concentrerà esclusivamente solo sui nuovi sistemi di puntamento, piuttosto che migliorare l'hardware della Wii. Ecco riportato di seguito uno strancio di un'intervista fatta a Shigeru Miyamoto, direttore della divisione Entertainment Analysis & Development di Nintendo che chiarisce il punto di vista dell'azienda nipponica:

Attualmente non abbiamo piani concreti sul futuro del nostro hardware. Visto che siamo andati molto bene sul campo del puntamento, il mio pensiero è che possiamo ancora migliorare in questo settore, magari concentrandoci su qualcosa di più compatto e più conveniente da produrre.

Stando a queste parole, dunque, nei piani di Nintendo non ci sarebbe una Wii 2, con cui la compagnia nipponica potrebbe introdurre il lettore Blu-ray, o un miglior sistema per la gestione dei giochi online, colmando in questo modo una parte del gap con i rivali. Fonti ufficiali cin informano che dallo scorso febbraio Nintendo ha investito 141 milioni di dollari per la creazione di un nuovo centro di ricerca e sviluppo. Le vendite di Nintendo Wii sono forte calo negli ultimi mesi costringendo l'azienda ad abbassare il prezzo di vendita. Ci sarà una nuova Wii? Miyamoto ha detto la verità o è solo un modo per nascondere le carte in mano di Nintendo? Non che questa attesa logori le mie giornate...

Le numerazioni a valore aggiunto

Quella delle numerazioni ad "elevato valore aggiunto" (un nome non proprio appropriato!) è una storia che nel nostro paese conta ormai diversi capitoli e ogni volta che un certo prefisso viene bloccato ne emergono altri, pensati per fornire servizi ai cittadini, ma spesso poi utilizzati in modo illecito soltanto per far lievitare le bollette. A seguito delle recenti sentenze del Consiglio di Stato che hanno annullato per motivi procedurali il precedente blocco delle chiamate a sovrapprezzo da rete fissa, entrato in vigore il 1° ottobre 2008, il Consiglio dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha dovuto emettere un nuovo provvedimento per il blocco automatico delle chiamate verso le numerazioni più costose e critiche, per contrastare fenomeni di addebiti ingannevoli in bolletta per servizi non richiesti, una vera e propria piaga per gli utenti. Come riportato nel nuovo provvedimento la data di attivazione del blocco permanente è fissata al 1° gennaio 2010. Anche dopo tale data, gli utenti avranno la possibilità di chiedere, con una semplice telefonata al proprio gestore, di rimuovere il blocco permanente o di sostituirlo con un blocco a PIN.

Un lettore UMD per la prossima PSP?

Sony sta incontrando serie difficoltà nel rapporto con i rivenditori per la commercializzaione della sua nuova PSP Go, l'ultima versione della console portatile che non è dotata del lettore ottico. I rivenditori lamentano infatti l'impossibilità di vendere il software su disco e boicottano la nuova console anche perché la sua diffusione limiterebbe anche la vendita del software per le precedenti versioni di PSP (dotate invece di lettore UMD). La nuova console, inoltre, viene venduta a un prezzo alto, 249 euro, per venire incontro ai rivenditori stessi e consentire loro un margine di guadagno che possa sopperire al mancato profitto sui contenuti. Probabilmnete con la prossima versione della PSP sarà possibile sia scaricare il software che acquistarlo su supporto UMD. Il lettore non accederebbe all'alimentazione elettrica nel momento in cui si esegue un gioco scaricato da PlayStation Network. L'unica perplessità è che la console tornerebbe a essere voluminosa e, soprattutto, sarebbe un passo indietro nelle scelte di mercato per la Sony.Con queste difficoltà credo proprio che non ci sia altra scelta se non di quella tornare al vecchio modello di business con il lettore UMD. L'obiettivo di Sony era inizialmente quello di favorire l'affermazione degli UMD sugli altri formati, ma evidentemente non è ruscita a farlo. Sony ha già fallito nei casi di Betamax, Sony Dynamic Digital Sound e MiniDisc, anche se tutti questi formati erano tecnologicamente superiori rispetto agli standard del momento. Ma sono sempre le scelte degli utenti (utilizzatori finali) a decidere il destino di una nuova tecnologia. Certo, se pensiamo che la nuova consolle é stata lanciata sul mercato agli inizi di ottobre, non deve essere proprio esaltante per la Sony sentirsi dire di pensare già alla progettazione della versione successiva! La PSP-4000 non è stata ancora annunciata ufficialmente e, queste, sono solo supposizioni che vengono fatte da molti analisti di mercato. La PSP Go, almeno per quel che riguarda le sue funzionalità, rimane comunque un'ottima consolle!

lunedì 26 ottobre 2009

Un unico caricabatterie dal 2010

Ora è ufficiale: a partire dal 2010 i nuovi cellulari avranno un caricabatteria universale. La data é stata anticipata di due anni e, finalmente, gli utenti potranno usare lo stesso caricabatteria con modelli di marche differenti. La tecnologia è già pronta e, se non lo sapete, già la usiamo tutti da un pò! L'Itu (International telecommunication union) ha ufficializzato il caricabatteria universale come nuovo standard (Universal charging solution). Sfrutterà la tecnologia micro usb. Il caricatore avrà quindi da una parte una normale presa per la corrente e dall'altra un ingresso micro usb (più piccolo del noto Usb) che s'infilerà nel cellulare. Tutti i cellulari saranno quindi dotati di una fessura compatibile con lo standard micro usb che tutt'oggi é già utilizzato da alcuni modelli di fotocamere digitali. Con questa mossa forse scenderà anche il prezzo dei cellulari? Speriamo!

domenica 25 ottobre 2009

9 volte sul tetto del mondo!

Casey Stoner è primo sul traguardo del Gp di Sepang, Valentino Rossi, terzo, è campione del mondo per la nona volta! Valentino è ancora lontano dai 15 titoli mondiali di Giacomo Agostini, ma è l'unico pilota ad aver vinto ogni mondiale in anni diversi e ogni anno in una sola categoria. Cos'altro posso aggiungere per "glorificare" un campione come questo? Grande Valentino! Goliardico come al solito, ha rilasciato un'importante dichiarazione in merito al suo futuro nel mondo delle corse:

Le galline finiscono in brodo quando non fanno più le uova, e il retro della maglietta mostra invece la gallina che cova felice le sue nove uova d'oro: brodo un cavolo!

sabato 24 ottobre 2009

E' arrivato il Linuxday 2009!

Anche quest'anno torna il LinuxDay! In Italia oggi si festeggia Linux, il sistema operativo libero e gratuito. La manifestazione prevede centinaia di incontri e convegni in programma da Torino a Gela cercando di spiegare cosa sia Linux e cosa sia il software libero, quello che nasce per essere modificato e diffuso senza vincoli e senza prezzo. I tanti eventi avranno come al solito un doppio scopo: da un lato mostrare come si usano e come funzionano Linux e i programmi che si ispirano alla sua filosofia, dall'altro spiegare che sostenere i principi del software libero è qualcosa che va ben al di là del ristretto ambito dell'informatica. Ecco una frase di Richard Stallman che può riassumere brevemente lo spirito di Linux

La libertà di collaborare con gli altri è importante per avere una buona società in cui vivere e questo per me è molto più importante di avere un software potente e affidabile.

Il Linuxday è comunque, in primo luogo, la giornata dedicata alla diffusione di Linux. In tutte le sedi degli eventi sono previste le cosiddette Installfest (da installation e festival): gli utenti meno esperti possono portare il proprio Pc portatile per farsi aiutare nell'installazione e nella configurazione di Linux. Anche se non si avesse il computer, è sempre possibile chiedere agli esperti dei vari Lug (Linux user grup, gruppi di utenti linux) consigli o suggerimenti e tornare a casa con cd, penne usb o altri supporti pieni del miglior software libero in circolazione. Ecco il link ufficiale della manifestazione: partecipate numerosi!

OS X funzionerà su qualsiasi PC?

Nonostante l'aspra battaglia legale in corso Psystar continua sulla propria strada: la piccola azienda della Florida che ha osato sfidare il colosso di Cupertino, Apple, ha reso disponibile nel corso di questi giorni una soluzione software che permette l'installazione del sistema operativo Mac OS X su qualunque PC. "Every OS. Every Computer. For Everyone" cita lo slogan di Rebel EFI, questo il nome del software. Psystar ha reso disponibile sul proprio sito web una versione dimostrativa del software, che è possibile scaricare e provare. La versione dimostrativa è limitata a due ore di funzionamento e qualora si volesse continuare ad utilizzarla, sarà necessario acquistare il codice di sblocco. Per usare il programma è necessario masterizzarlo su un cd ed avviare il sistema tramite il tale cd. Dopo aver eseguito una serie di semplici operazioni, sarà sufficiente inserire il DVD di Mac OS X Snow Leopard per procedere all'installazione. Grazie a EFI Rebel, Snow Leopard potrà infatti girare su qualsiasi computer equipaggiato con CPU Intel Core 2 Duo, Core 2 Quad, i7 o Xeon Nehalem. Il programma sarebbe anche in grado di rilevare l’hardware del sistema su cui é stato caricato, individuando i componenti compatibili e scaricandone i driver appropriati (se disponibili). La Psystar ha in programma di perfezionare costantemente ed aggiornare il database dell’applicazione, come si può leggere in una loro dichiarazione:

I set-up più comuni sono assolutamente compatibili e continueremo ad espandere la gamma di profili hardware supportati da Rebel EFI tramite il nostro programma di collaudo PsyLabs

Il programma è commercializzato temporaneamente al prezzo di 49,99 dollari che Psystar definisce essere "promozionale", anche al fine di saggiare la compatibilità del software. Il prezzo della soluzione è invece fissato a 89,99 dollari. Una notizia che non piacerà certo ad Apple! Maggiori informazioni sono disponibili il questo link.

I comodi centimetri durante un volo

Centimetri che cambiano la vita. Sono quelli che separano i sedili in classe economica. Determinanti per la qualità del volo e il benesse­re del viaggiatore. Quando lo spazio tra le file è risicato au­menta il rischio di scendere ac­ciaccati dall’aereo. Dolori, pro­blemi di circolazione, artrite e artrosi. E nel peggiore dei casi patologie ben più gravi, come embolia polmonare (che capita a 27 persone ogni milione) e trombosi venosa profonda (5 su un milione). Il sangue si coa­gula e forma grumi nelle vene, le gambe si gonfiano in modo abnorme. La conseguenza estrema della sindrome da clas­se economica. Al congresso nazionale appena terminato a Napoli è stata pre­sentata un’indagine sulla di­stanza tra i posti in turistica. C’è molta differenza tra le linee aeree, fino a 10 centimetri. So­no un’enormità, specie nelle lunghe tratte, quelle superiori a sei ore. Si passa dai 73,7 cm delle low cost (tra le più avare di spazio RyanAir e Easy Jet) agli 86,4 degli orientali, con Thai e Malaysia in testa alla classifica delle più virtuose. In un aereo targato Lufthansa e Air France, deve accontentarsi di 78,7 cm. Per studiare il seat pitch (distanza tra sedile ante­riore e posteriore) i ricercatori della Siti hanno fatto riferimen­to anche ai regolamenti sulla si­curezza del volo. Forse per offrire una sistema­zione meno sacrificata anche in turistica, alcune compagnie prevedono la premium eco­nomy . Pagando un po’ di più si ha diritto a poltrone più como­de. Negli Stati Uniti con un ex­tra di circa 10 dollari si può sce­gliere il posto al momento del­la prenotazione. Molto ambita la fila corrispondente al­l’uscita di sicurezza il cui seat pitch è più ampio. I principali fattori di rischio della sindrome da classe econo­mica sono durata del viaggio, superiore a sei ore, scarsa di­sponibilità di spazio, obesità, fumo, vene varicose, età sopra i 65 anni. Per prevenire i distur­bi gli esperti consigliano di be­re molta acqua durante il volo, evitare alcolici, muoversi fre­quentemente, togliere le scar­pe, usare calze a rete (perché svolgono un’azione di conteni­mento sulle gambe), evitare di indossare calze con elastico. Altri elementi di disagio psi­co-fisico per il passeggero, ol­tre alla distanza tra sedili, sono la larghezza e quanto reclinabi­li. A volte ci ritroviamo letteral­mente schiacciati dallo schiena­le di fronte a noi. Anche chi non soffre di claustrofobia, tra­scorre dei brutti momenti. La Sindrome da classe economica, secondo uno studio, sarebbe scatenata da altri fattori, non solo dall’im­mobilità. La pressione della ca­bina e il livello di ossigeno. Lo studio Siti è partito dal­l’esperienza personale di un gruppo di medici che hanno partecipato alcuni mesi fa a un congresso organizzato a San Francisco. Secondo il codice di autodisciplina delle industrie farmaceutiche, hanno viaggia­to tutti in economy e con diver­se compagnie, sperimentando su se stessi quanto sulle lun­ghe tratte anche pochi centime­tri siano vitali. Lo studio non lo dice, ma lo dico io: evitate Alitalia!

Lo scalo di Fiumicino si rifà il look!

Anche allo scalo di Roma Fiumicino (l'aereoporto Leonardo Da Vinci) si adotterà il sistema di identificazione numerica dei Terminal: 1, 2, 3, 5 e distinguerà le aree d'imbarco che saranno indicate con codice letterale B, C, D, G, H, alle quali, entro il 2014, si aggiungeranno le nuove aree A, E, F. Questa la nuova denominazione delle aerostazioni: l'attuale Terminal A (voli nazionali) sarà rinominato in T1 (Terminal 1) con 27 aeree di imbarco indicate con la lettera B; il Terminal AA diventa T2 (16 aree di imbarco, lettera C); i Terminal B e C vengono unificati in T3 (27 aree di imbarco con le lettere D e H), mentre il Terminal sussidiario dei voli sensibili (gran parte per gli USA) è confermato in T5 (14 aree di imbarco Il cambio comporterà la realizzazione di 800 nuovi pannelli luminosi e non, circa 200 display informativi, 30 "totem" per la viabilità esterna spalmati su una superficie complessiva di circa 400 mila metri quadri. La rivoluzione prenderà il via proprio durante questo weekend!

Perché dovrei volare con Alitalia?

Per il mio recente viaggio a Tokyo ho acquistato un biglietto A/R con Japan Air Lines. Il mio volo prevedeva come vettore, per il viaggio d'andata la stessa JAL, ma per il ritorno il vettore era Alitalia. Certo, non ci sarebbe molto da obbiettare per un volo pagato 400 euro, ma i miei presagi nei confronti di Alitalia sono diventati realtà nel momento stesso in cui ho messo piede sull'aereo. Devo dire che il volo d'andata é stato stupendo: ho volato per la prima volta su un 747, un aereo a due piani! Il volo di ritorno prevedeva un più comune 777, ma questo non indicava certo i disagi che avrei incontrato. Alitalia ha messo a disposizione dei suoi passeggeri, per un volo intercontinentale di circa 11 ore un aereo in stato pessimo. Niente da dire sulla pulizia dell'aereomobile, ma le funzionalità erano veramente ridotte all'osso. Tanto per incominciare la metà dei bagni in classe economica era fuori uso (!!!). A seguire, anche i display multimediali presenti in ogni poltrona erano praticamente inutilizzabili. Gran perte dei monitor infatti non si accendeva e, quando qualche fortunato passeggero si ritrovava un monitor funzionante, era il suo joystick a non funzionare, rendendo di fatto inutilizzabile il dispositivo. Praticamente almeno 200 persone sul mio volo hanno potuto semplicemente fissare un monitor nero per circa 11 ore di volo! Anche la metà dei monitor giganti presenti sull'aereo non funzionavano. Abituato ai voli intercontinentali ero comunque a conoscenza dei lauiti pasti e delle ricche bevute che avrei fatto durante il mio volo... bhe, nenache questo é stato possibile! Dopo un normale pasto fatto due ore e mezzo dal decollo (il mio volo partiva alle 13.00!) mi sono ritrovato con un secondo spuntino a base di un panino microscopico incelofanato e pieno di maionese. Ma che schifo é questo? Ovviamente il menu delle bevande prevedeva esclusivamente acqua, cocacola, tè giapponese ed una specie di vino rosso di seconda mano. Volete un consiglio? Evitate di volare con Alitalia, almeno sulle tratte a lunga percorrenza: non é la prima volta che mi capita una situazione del genere con questo vettore! La compagnia ormai non utilizza più i propri soldi per la manutenzione interna degli apparati nei suoi aerei e queste ne sono le conseguenze... non vi rimane altro che dotarvi di film in formato divx e guardarveli sul vostro netbook! Se ci facessero almeno lo sconto per il mancato funzionamento delle attrezzature il volo sarebbe almeno accettabile... ma in questo modo é veramente una vergogna! E pensare che a quei poveri stewart non era rimasta altra alternatiche che inventare patetiche scuse su un imminente intervento in volo da parte dei tecnici per ripristinare tutte le funzionalità! Eccome no: aspettavano però di sorvolare i ghiacci della Siberia per poter intervenire!

Come Scrat che insegue la ghianda

“Win for life” è il nuovo gioco della Sisal che promette di far vincere un vitalizio di 4.000 mila euro per 20 anni cioè in totale circa 960 mila euro, non indicizzati al costo della vita ma ereditari. Le estrazioni avvengono giornalmente, una ogni ora dalle 8.00 alle 20.00; in queste estrazioni vengono sorteggiati 11 numeri (10+1). Si deve compilare la schedina con almeno 10 numeri alla quale poi verrà assegnato automaticamente un numero jolly (numerone) che sarà l’unico modo per vincere il massimo premio. La giocata minima è di 1 € che permette di vincere con:
  1. 7: vinci circa 2 €
  2. 8: vinci circa 10 €
  3. 9: vinci circa 100 €
  4. 10: vinci circa 10.000 €
  5. 10 + numerone: 4.000 € per 20 anni
Con 2 € si raddoppiano le possibilità di vincita; oltre a quelle già considerate con la giocata da 1 € si hanno anche le possibilità con:
  1. 3: vinci circa 2 €
  2. 2: vinci circa 10 €
  3. 1: vinci circa 100 €
  4. 0: vinci circa 10.000 €
  5. 0 + numerone: 4.000 € per 20 anni

Ma veniamo ora al calcolo delle probabilità! Secondo il calcolo delle combinazioni senza ripetizioni si chiama combinazione semplice una presentazione di elementi di un insieme nella quale non ha importanza l’ordine dei componenti e non si può ripetere lo stesso elemento più volte.

nel nostro caso abbiamo per la vincita del dieci

20!/10!*10! = 184.756

ciò indica che giocando 10 numeri abbiamo 1 probabilità su 184.756 combinazioni possibili! Se invece vogliamo subito il superpremio allora possiamo calcolare questa probabilità:

20!/10!*10! = 184.756 combinazioni

a questa serie dobbiamo moltiplicare le combinazioni per il numerone che viene estratto da un’altra urna con sempre 20 numeri:

(20!/10!*10! )*(20!/1!*19!) = 3.695.120 combinazioni

dovete tener presente 2 cose importanti:
  • la probabilità di fare 6 al superenalotto è di 622.614.630 e in questo gioco di “solo” 3.695.120
  • 13 giocate al giorno per l’importo di 2 € = 26 € al giorno e in un mese di giocate 26 * 30 = 780 € spesi
Con i risultati ottenuti da questi semplici calcoli statistici conviene giocare a questo gioco solo per puro divertimento... la speranza di vincere é così remota che quasi conviene tenersi i soldi in tasca. Ripensando a questo gioco mi viene quasi da ridere e mi torna in mente Scrat, il simpatico "cricetone" dell'era glaciale, che rincorrere la sua ghianda senza mai riuscire ad afferrarla!

Il blog é nuovamente online!

Eccomi nuovamente a casa... pronto per ripartire con il blog! Riprendo quindi a scrivere dopo una breve trasferta in terra "nipponica"! Ogni volta che viaggio una delle cose migliori é perdere il contatto con la realtà del proprio paese, dimenticando i problemi e le situazioni che ogni giorno la cronaca racconta. Stanco di tutto "lo schifo" che accade qui da noi é sicuramente un buon metodo per dimenticare l'Italia ed i suoi problemi! Stay tuned!

giovedì 8 ottobre 2009

Il blog riprende il 25 ottobre!

Come già via avevo anticipato, sono in partenza per una breve visita in Giappone e, nello specifico, a Tokyo. Finisco di preparare la mia valigia e rimando la pubblicazione di nuovi post su questo blog a partire dal 25 ottobre! Sayonara e "buon sushi" a tutti!

AVG 9 in versione gratuita!

Dopo il recente rilascio di Microsoft Security Essentials, l'antivirus gratuito creato da Microsoft, anche le altre case produttrici di antivirus si stanno affrettando a rilasciare le nuove versioni dei loro rispettivi antivirus. E, molto spesso, in versione free. Prorpio la Grisoft ha recentemente rilasciato la versione 9 di AVG, migliorandolo nelle funzionalità e nell'efficacia. Per ora è possibile provare solamente la versione trial, mentre la versione Free sarà disponibile dal 15 ottobre 2009: tra le principali novità di questo prodotto, secondo quanto riportato direttamente dai produttori, sarà più veloce di circa il 50% durante la fase di scansione, riducendo i tempi di avvio di Windows del 10-15%, integrando un nuovo e più potente Firewall. Saranno inoltre migliorate le funzionalità di protezione Anti-spam e anti-phishing. Non resta che aspettare ancora qualche giorno per poter provare la nuova versione gratuita! In questo link potete trovare tutte le informazioni.

mercoledì 7 ottobre 2009

Un compatibility center per Win 7

In attesa che Windows 7 arrivi il 22 ottobre sul mercato, nelle prossime settimane Microsoft lancerà ufficialmente il compatibility center, una piattaforma web dove potremo collegarci per scoprire se l’hardware installato sul nostro PC sarà compatibile con il nuovo sistema operativo e richiederà un aggiornamento dei driver oppure verrà marchiato come obsoleto, e quindi non adatto. Il sito non é ancora ultimato ma é comunque già online ed é accessibile direttamente da questo link.

Le metropolitana di Tokyo

Sono in partenza per un soggiorno di qualche settimana in Giappone e, almeno inizialmente, nella città di Tokyo. Oggi ho dedicato un pò del mio tempo allo studio della città ed ai suoi mezzi di trasporto. Viaggio molto ed ho fatto un bel pò di esperienza con i mezzi di trasporto nelle varie città del mondo ma, questa volta, la città di Tokyo le batte veramente tutte. Ad essere sincero non avevo mai rivolto la mia attenzione allo studio dei mezzi di trasporto di questa città ma, vedendo solo la mappa della "rete metropolitana" c'é veramente da rimanere basiti: New York e Londra quasi impallidiscono! Pensate che l'aereoporto internazionale é a più di 1 ora e mezzo dal "downtown" (ed i loro treni sono velocissimi!) ma é facilissimo raggiungerlo. Cercando su internet ho scoperto facilmente anche il sito ufficiale della rete metropolitana. Dal sito é possibile pianificare i propri spostamenti nella città grazie ad un software gratuito chiamato "Tokyo transfer guide", che é in grado di calcolare più di un percorso alternativo per la propria meta di destinazione. Mi chiedo veramente quando noi italiani potremo ambire ad una sistema di trasporti del genere! Continuo il mio studio, ma al ritorno vi documenterò su quanto avrà visto!

Psystar ed i cloni OS X

Con un comunicato stampa, Psystar ha ufficialmente lanciato il programma di affiliazione per offrire in licenza la tecnologia di virtualizzazione che consente ad un comune PC di avviare Mac OS X. La tecnologia elaborata da Psystar, la maggior parte della quale consiste nel loro cosiddetto Darwin Universal Boot Loader, ed è in grado di avviare sei differenti Sistemi Operativi compresi Windows 7, Vista, Linux e Mac OS X, compreso Snow Leopard. Inoltre, la tecnologia Safe Update consente al clone di poter installare gli aggiornamenti standard che Apple invia agli utenti tramite Aggiornamento Software. Tutti i cloni prodotti da terze parti e affiliati alla società potranno beneficiare del bollino “Psystar Certified”. Una volta che il prodotto è certificato, i consumatori possono acquistarlo sugli scaffali dei negozi o attraverso i canali standard. E quando è presente la certificazione, si può procedere all’installazione di Snow Leopard semplicemente inserendo un comune DVD retail di OS X. Attualmente, i costi della licenza non sono noti, ma appare evidente che Psystar stia sparando le ultime, discutibili cartucce prima del gennaio 2010, periodo in cui è stata programmata l’udienza nella causa intentada da Apple per violazione del Copyright. Tuttavia è altamente improbabile che l’iniziativa abbia successo: dopotutto, quale società si impegnerebbe in una nuova attività quando la società da cui dipende per l’apporto tecnologico è in causa con Apple? E avanti verso una nuova, incredibile puntata!

Esempi di misericordia cristiana

Anche Benedetto XVI deve essere saltato dalla sua sedia seguendo in televisione il servizio delle iene. Nella puntata di ieri sera, martedi 6 ottobre, le iene hanno mandato in onda il seguito di un filmato in cui cercano di soccorrere una donna invalida al 100% che sta per essere sfrattata... dai padri maroniti, della chiesa cattolica. La signora paga 700 euro al mese di affitto, ma i frati ne vogliono piu' del triplo. Come prosegue la storia é facile immaginarselo ma non voglio togliervi il gusto e vi invito (se non l'avete visto in diretta televisiva) a guardare il video che ho pubblicato. Ah, ovviamente su questo stabile i maroniti non pagano l'ICI.

lunedì 5 ottobre 2009

Il firmware 4.2 per Wii é pericoloso

Il recente aggiornamento alla versione 4.2 del firmware per il Nintendo Wii sembra stia causando "qualche insolito fastidio" a gran parte dei suoi utenti installatori, che protestano con molte segnalazioni pubblicate sul forum di supporto tecnico Nintendo (peraltro già "brillantemente" cancellate dagli amministratori del sito). Tra i primi problemi riscontrati, sembra ci sia un'anomala interruzione durante la fase di installazione. Oltre a questo si segnalano continui errori nella in fase di lettura del disco e, più in generale, spesso si arriva al "brick" della console stessa (cioè la rottura a livello software della console, rendendola di fatto inutilizzabile). La divisione americana di Nintendo, a fronte di questi problemi, ha promesso una riparazione gratuita della consolle, a patto che essa NON sia stata modificata. Questa nuova versione di firmware é stata infatti rilasciata con lo scopo preciso di porre rimedio allo straripante problema delle ultime modifiche software che permettevano, a seguito di un semplice aggiornamento, (e downgrade del bios) di giocare anche con copie non originali dei videogiochi e di installare nuovi canali custom nel menù principale. Il firmware 4.2 è stato rilasciato a fine settembre. Nintendo aveva comunicato che prima del rilascio che il nuovo firmware avrebbe trovato una soluzione per procedere alla cancellazione di tutti i software homebrew non omologati installati dagli utenti sulla propria console. Nel comunicato di presentazione parlava di "miglioramento generale delle performance del sistema", ma non faceva riferimento ad alcuna introduzione significativa. In realtà sembra che Nintendo abbia intenzionalmente rilasciato il firmware per mettere fuori uso le console modificate con i chip che evitano il controllo anti-pirateria. A quanto pare questo è l’unico vero aggiornamento che blocca tutte le modifiche software effettuate sulla console. Il mancato aggiornamento rende però impossibile l'accesso al canale Wii Shop (e quindi l'acquisto di titoli Virtual Console o WiiWare). Anche i canali sulle notizie e sulle previsioni meteo sono inaccessibili senza aggiornare il firmware. Nintendo pensa proprio che bloccando l'accesso ai canali tematici (tra cui anche quelli con i contenuti a pagamento!) possa essere un deterrente che spingerà gli utenti ad aggiornare il proprio firmware? Io non credo proprio, ma ognuno é libero di fare la propria scelta (per stupida che sia!) Non resta altro da fare che attendere una nuova versione "custom" del firmware: aspettate quindi ad installare il nuovo aggiornamento sulla vostra consolle modificata!

Il logo di certificazione Windows 7

Da pochi giorni è stato presentato il logo "Compatible with Windows 7" che verrà utilizzato per indicare quali pc saranno compatibili con il nuovo sistema operativo che Microsoft distribuirà tra poche settimane. Per "pc compatibili" si intendono sistemi che abbiano superato una serie di test tali da verificare la stabilità operativa nell'utilizzo di Windows 7. Con questa iniziativa Microsoft intende di offrire la massima trasparenza nei confronti della clientela: l'utente vedendo il logo "Compatible with Windows 7" avrà la garanzia che il prodotto scelto non darà problemi nell'utilizzo del nuovo sistema operativo. Ma guarda te quanto impegno stanno mettendo per "indorare la pillola" con questo nuovo sistema operativo. Visitando questo link troverete ulteriori informazioni in merito a quali produttori di hardware e software hanno collaborato con Microsoft. Riporto di seguito i pre-requisiti hardware minimi necessari per l'installazione di Windows 7. Vi faccio notare che la memoria Ram minima richiesta per la versione a 32 bit del sistema operativo sarà di almeno 1 GB! Quindi, se vorrete utilizzare Windows 7, sarà molto probabile che anche questa volta sarete costretti ad aggiornare l'hardware del vostro pc. Personalmente non ho nessuna curiosità nel scoprire questo nuovo sistema operativo... mi accontento del mio buon Leopard!

Requisiti

Windows 7 32-bit

Windows 7 64-bit

Processore

1 GHz 32-bit

1 GHz 64-bit

Memoria RAM

1GB

2GB

Scheda grafica

Compatibile DirectX 9 con supporto WDDM driver model 1.0

Spazio su Hard disk

16GB

20GB

Unità ottica

Lettore DVD


L'italvolley regina d'Europa!

L'Italia è campione d'Europa di volley femminile! E qualcuno, seguendo la domenica sportiva di questa sera, é riuscito a vedere qualche immagine? Bhe. Torniamo allo sport, e lasciamo le polemiche da parte. A Lodz, in Polonia, nella finale contro l'Olanda le ragazze del volley italiano si sono imposte per 3-0 (25-16, 25-19, 25-20), bissando il successo di due anni fa in Lussemburgo, riconfermandosi campionesse d'Europa. Per l'Italvolley rosa quarta finale della sua storia, la terza consecutiva. Complimenti ragazze!

domenica 4 ottobre 2009

Una domenica biologica a Roma

Per quanto mi riguarda, basta parlare di politica! Per la giornata di domenica 4 ottobre 2009, la Capitale sarà teatro di iniziative gustose, all’insegna dell’enogastronomia sana e responsabile, pronte a coinvolgere curiosi, golosi e consumatori attenti. Mentre, la X edizione di “Biodomenica” porta nel piazzale antistante la Città dell’Altra Economia (largo Dino Frisullo - Testaccio) produttori biologici, mercati, laboratori, degustazioni e piacevole intrattenimento, “La Campagna in Città” conclude a Villa Celimontana il proprio viaggio nei saperi e sapori della campagna romana. Il grande Festival dell’Agroalimentare, anticipato da una settimana di iniziative all’insegna del gusto, si conclude con mostre di prodotti tipici, la rassegna di artigianato tradizionale, degustazioni delle specialità tradizionali, laboratori di cucina del benessere e anche una “Caccia al Tesoro della campagna romana”. Il programma della Biodomenica nel piazzale antistante la Città dell’Altra Economia (largo Dino Frisullo - Testaccio), dalle 10 fino al tramonto:
  • ore 10.00 Tam Tam in Bici: partenza per la biciclettata alla scoperta del patrimonio storico-architettonico di Testaccio e di alcuni angoli molto suggestivi del centro storico della città.
  • ore 10.30 Lezione dimostrativa di Tai Chi a cura dell’Associazione Tai Chi Taoista
  • ore 15.30 Musica e Ritmo dal Brasile con le scuole di SAMBItalia
  • ore 17.00 Lezione di Yoga con Tyler
  • ore 19.00 “SCHERZI TEATRALI degli ANNI ‘50″ con la Compagnia teatrale della Banca del Tempo del Municipio 6
Per tutto il giorno esperti e tecnici dell’Aiab risponderanno a tutte le domande e curiosità sul tema dell’Agricoltura Biologica. Le Associazioni promotrici dell’iniziativa lanciano una petizione per il biologico “locale” e “di stagione” in tutte le mense pubbliche. Per sottoscrivere la petizione basta consultare questo link al sito dell’iniziativa.

sabato 3 ottobre 2009

Il consolidarsi del metodo Bianconi

Già ne aveva parlato in questo post, ma la "storiella" non si é ancora conlcusa. Dopo il sindaco Alemanno, anche il suo partito censura Patrizio Bianconi. Tuttavia, proprio nel giorno in cui il consigliere comunale decide finalmente di scusarsi, spunta un´altra mail destinata a confermare tutte le accuse di indegnità contro di lui. La prova che non era la prima volta che questo personaggio rispondeva alla richiesta di un cittadino pretendendo in cambio del suo onorevole interessamento "la stipula di un patto di sangue" elettorale, com´è accaduto al titolare di un centro di ortopedia in Prati. Una mail elettronica di analogo tenore è stata infatti inviata qualche mese fa, per l´esattezza il 20 aprile, alla signora Alba Silvestri. La quale, dopo aver letto su Repubblica il carteggio fra Bianconi e il dottor Marcello Mancini, ha preso coraggio e deciso di raccontare pure la sua storia. Rendendo note le lettere scambiate con l´ineffabile consigliere del Pdl. Recidivo nel ribadire, a un gruppo di condomini che avevano osato criticare un suo volantino propagandistico: "Io lavoro per chi mi vota!". Arrogante nel reclamare, nel solito italiano barcollante, tutte le generalità degli scriventi (compresi indirizzo di casa e cellulare) sempre che "avete intenzione a prendere impegno a votarmi". Beffardo nell´invitare gli interlocutori a rivolgersi "a chi avete votato se non siete d´accordo con le mie opinioni". Altro che caso isolato, dunque. "È la testimonianza che quello recente non è uno scivolone di Patrizio Bianconi: è un metodo consolidato", denuncia la Silvestri. "Talmente indegno di un rappresentante delle istituzioni che queste stesse mail le ho subito inoltrate all´indirizzo elettronico del sindaco Alemanno". Adesso sarà difficile che la bufera su "Mangiafuoco", dal nomignolo affibbiato in Campidoglio all´irruente consigliere, possa placarsi. Una vicenda che ieri sera sembrava chiusa. Con la lettera di censura inviata dal coordinamento romano del Pdl e con il gesto dello stesso Bianconi che, in serata, rendeva noto di aver spedito "una missiva al dottor Marcello Mancini nella quale gli esprimo il rincrescimento per quanto accaduto, porgendogli le mie scuse: l´episodio, purtroppo, è andato oltre le mie reali intenzioni". La condizione posta dal sindaco per evitare le dimissioni. Ora però questa nuova mail riapre il caso e ne rinvia l´archiviazione. Infondo questo é il sistema dei partiti (di destra e di sinistra) che porta personaggi come Bianconi a governare: un mediocre arrogantello farà sempre più strada, in quel sistema, di una figura di pregio che potrebbe offuscare i suoi protettori.

Un bootdisk via HTTP

Netboot è un bootdisk che vi permette di far partire qualsiasi sistema operativo da un computer collegato alla rete senza doverlo scegliere prima. All’avvio vi consentirà di selezionare gli strumenti diagnostici, l’installazione o il live cd delle più famose distribuzioni linux come Debian, Fedora, Ubuntu e persino i sistemi operativi della famiglia BSD. Nel caso non troviate il vostro sistema operativo preferito tra quelli supportati, potrete sempre creare una nuova voce ed inserirlo. Questo é il link al sito ufficiale.

venerdì 2 ottobre 2009

La nuova PSP go! é in vendita

Sony ha lanciato ufficialmente sul mercato PSP Go, nuova versione della sua console portatile. Fino al 10 ottobre, acquistando una PSP Go, si ricevere in regalo il gioco Gran Turismo PSP. Sony, in occasione del lancio di PSP Go, ha introdotto nuovi contenuti sul PlayStation Network. Ci sono 100 nuovi giochi tra cui il già citato Gran Turismo PSP, God of War: Chains of Olympus e Motorstorm: Arctic Edge. Vengono rilasciati anche i cosiddetti minis, giochi immediati pensati appositamente per PSP Go. I minis hanno un costo al pubblico minimo di 1 euro e massimo di 5 euro. Tra i primi minis troviamo Fieldrunners di Subatomic Studios, l'ultima rivisitazione di Tetris da Electronic Arts e Alien Havoc di Creat Studios. Con l'aggiornamento del firmware alla versione 6.10, è possibile abilitare la funzione tethering. PSP Go, a differenza delle altre PSP, consente infatti di condividere tramite Bluetooth la connessione a internet con altri dispositivi portatili. Un aggiornamento del player multimediale MediaGo, infine, permette agli utenti di accedere al PlayStation Store con il PC e di gestire musica, video e immagini. PSP Go è in vendita al prezzo suggerito di 249 euro (quasi quanto la Playstation 3!!!). Sony ha deciso di non applicare un programma di conversione dei giochi da UMD in formato digitale (la nuova console infatti non ha il lettore ottico), ma dà l'opportunità agli utenti di ottenere gratuitamente tre giochi per PSP Go in formato digitale con la semplice registrazione al PlayStation Network. Sony si aspetta di vendere il 60% delle unità di PSP Go agli utenti che già possiedono PSP 3000, la precedente versione della console portatile che rimarrà sul mercato anche con l'introduzione di PSP Go.

Cancellarsi da Facebook? Ora si può!

Se veramente vi siete stancati di comparire su Facebook e volete sbarazzarvi per sempre del vostro profilo esiste finalmente una procedura esatta da seguire. Facebook infatti, ufficialmente consente solo di “disattivare” il proprio account, anche se le informazioni presenti rimangono intatte, ma nascoste. Per eliminare definitivamente il proprio profilo da Facebook basta cliccare su questo link che non é altro che un collegamento ben nascosto tra le tante impostazioni. Tuttavia prima di saltare direttamente a questo link, dovreste preoccuparvi di tutti i commenti e le foto inserite in passato e seguire alcune procedure di sicurezza. Innanzi tutto cancellate ogni informazione presente sul vostro profilo. Messaggi di posta, informazioni sulle reti, fotografie, tag ecc. Successivamente collegatevi al “Centro assistenza” in fondo alla pagina. Da questa pagina cliccate su “Privacy” e Facebook vi mostrerà la procedura per disattivare o cancellare definitivamente il proprio profilo. Per completare l’operazione basta inserire la propria email, la password di accesso e digitare il codice del captcha. Infine aspettare 14 giorni. Questo per dare il tempo a Facebook di completare la procedura e a voi di tornare indietro se cambiate idea. In questo periodo, infatti, basta inserire la propria email nel login per riattivare tutto e bloccare il processo. Se, ancora, siete ansiosi di sparire per sempre da Facebook, provate ad inviare un’email all’indirizzo privacy@facebook.com e chiedere la cancellazione del profilo. In pochi giorni dovreste ricevere una risposta che attesta la cancellazione permanente. In questo caso avete una settimana di tempo per cambiare idea, inviando una seconda email allo stesso indirizzo, oppure a support@facebook.com e info@facebook.com. Passati questi giorni, provate ad accedere a Facebook inserendo l’email e la password. Se non riuscite ad accedere, oppure non ricevete nessun messaggio di riattivazione, vuol dire che la procedura è andata a buon fine e siete stati ufficialmente cancellati da Facebook. Con buona pace dei vostri contatti o di tutti gli amici del liceo che tanto desideravano ritrovarvi!

Rilasciato Google Chrome 3.0

Con un articolo pubblicato sul blog proprio blog ufficiale, Google ha annunciato di aver rilasciato la versione 3.0 del proprio browser Chrome. Questa versione arriva a poco più di un anno dalla resa disponibilità della primissima release del già citato software; durante questo arco di tempo hanno lavorato al progetto 51 sviluppatori i quali sono stati in grado di rilasciare 21 versioni beta e 15 stabili, risolvendo qualcosa come 3505 bug! Si tratta di un lavoro importantissimo che ha visto Google Chrome guadagnare il 150% in velocità (nella risoluzione di Javascript) rispetto alla prima beta ed il 25% rispetto all’ultima stable. Il download di Chrome 3.0 è disponibile direttamente da questo link.

giovedì 1 ottobre 2009

Se questo è un consigliere comunale

Nelle scorse ore la maggioranza al governo in Campidoglio (a Roma, per intenderci) si è trovata una brutta gatta da pelare. Il fatto coinvolge il consigliere Patrizio Bianconi, eletto nelle file del Pdl in virtù di 1531 voti. Un cittadino del quartiere Prati gli aveva inviato una mail per chiedere ragioni e provvedimenti in merito a una questione, per così dire, di zona. Ecco il testo integrale:

Caro Patrizio, scusa se ti disturbo, ma in via Tacito l’Ama ha piazzato dei cassonetti in modo assolutamente sconcio, senza nessuna logica, seguendo probabilmente delle pressioni di qualche raccomandato. Mi fai sapere se esiste una normativa comunale in merito ed eventualmente come agire per far ripristinare un regolare ordine?

La risposta, puntuale, si deve alla mano stessa di Bianconi, e ha provocato non poco imbarazzo alla Giunta comunale per la concezione tutta particolare che l’onorevole ha del suo mestiere. Il sindaco Gianni Alemanno ha definito le parole di Bianconi inqualificabili e ha chiesto severe sanzioni affinché non si ripeta più una situazione così incresciosa. Riporto a seguire la mail di risposta del consigliere Patrizio Bianconi.

Egr. Dott., nella sua e-mail Lei mi segnala una problematica personale che esula dalle mie competenze. Sarebbe svilente se un On. si dovesse occupare di cassonetti - o monnezza, come dicono a Roma - tanto più se gli stessi si trovano dinanzi ad un´attività imprenditoriale di un privato. Con profondo rammarico noto (…) che lei non comprende il senso, né la ratio della Mia attività politica! Cercherò di essere chiaro. Lei, alle elezioni che mi hanno visto trionfatore non mi ha votato - anzi più volte nel corso degli anni ha manifestato antipatia nei confronti di Berlusconi (…) E allora nasce spontanea una domanda: perché si rivolge alla mia persona? Io per quale motivo dovrei adoperarmi per lei? Forse mi reputa un idiota che si fa sfruttare da chiunque? Oppure, cosa ancora più offensiva, il suo servetto? Io lavoro solamente per chi mi vota in quanto faccio politica, non il missionario (…) Sarebbe svilente e umiliante per la mia persona, la mia competenza e la mia professionalità consentire a chiunque di chiedermi favori che, come nel caso di specie, esulano dalle mie competenze. Pertanto: 1) O si impegna formalmente - stipulando un patto di sangue con il sottoscritto - a votare nel 2013 il sottoscritto on. Patrizio Bianconi al Comune di Roma ed il dir. Andrea Zaerisi al municipio XIX; 2) O, se lei non è intenzionato, non si rivolga alla mia persona. Desidero infine segnalarle che per avvalersi della mia professionalità deve preventivamente fornirmi: nome, cognome, indirizzo di residenza affinché io possa schedarla nella mia rubrica individuando la sezione elettorale dove lei vota al fine di controllare se esprimerà o meno la preferenza nei miei riguardi. E poi: il suo telefono di casa, il cellulare e l´e-mail al fine di poterla rintracciare quando ci servirà il voto suo e della sua famiglia. Se non se la sente di instaurare con il sottoscritto tale tipologia di patto la invito a rivolgersi alle persone che lei vota (…) Io non mi faccio prendere per il culo da nessuno!” On. Patrizio Bianconi.

Penso proprio che il personaggio in oggetto non abbia ben compreso il suo impegno politico. Andrebbe proprio rimosso e allontanato a calci. Nel sedere!

Menti cortocircuitate nell'oltretevere

Il via libera (atteso da anni) alla pillola abortiva Ru486 è appena arrivato. E già parte il pressing per indurre l'Agenzia del farmaco ad adottare almeno norme restrittive rispetto all'uso. Il Vaticano incalza. Il presidente del presidente della Pontificia accademia per la vita Monsignor Sgreccia minaccia la scomunica: "Automatica per chi la usa e per chi la somministra", tuona il prelato, che intanto invoca "un intervento da parte del governo e dei ministri competenti". La pillola abortiva non "è un farmaco, ma un veleno letale" e assumerla è un "delitto e peccato in senso morale e giuridico" e quindi comporta la scomunica "latae sententiae". E questa sera l'ufficio stampa dell'Agenzia italiana del farmaco annuncia che l'organismo ha dato il via libera definitivo alla commercializzazione della RU486, la pillola abortiva. Poco dopo arriva la smentita del ministero: è stato approvato in via definitiva solo il verbale precedente, che dava il via libera alla commercializzazione solamente in via di principio. La decisione sarà presa il 19 ottobre, quando il cda dell'Agenzia si riunirà di nuovo per esaminare la questione, dopo i lavori sul tema della commissione sanità del Senato, in programma da domani. Evidentemente il forte attacco di ulcera venuto questa sera a Benedetto XVII deve aver ritardato ancora una volta la commercializzazione della pillola in Italia. L'ufficio stampa dell'Aifa aveva inizialmente assicurato che la prima comunicazione del cda (nella quale si riferiva dell'approvazione del "verbale della scorsa riunione nel quale era stata deliberata, tra le altre, l'autorizzazione all'immissione in commercio della specialità medicinale Mifegyne") era in sostanza l'ok definitivo all'utilizzo negli ospedali. E la notizia era stata ripresa dai mezzi di informazione. Ecco quindi nuove manovre ostruzionistiche per impedire alle donne italiane quella possibilità di scelta sulle tecniche abortive che le donne francesi hanno dal 1988, la Gran Bretagna dal 1991 e, nel resto dell'Europa, dal 2000. Anche l'OMS l'ha riconosciuta nel 2003. Già, ma solo noi abbiamo il vaticano! Il cattolicismo ormai rappresenta un grande serbatorio di voti. Difendiamo la laicità dello Stato, i diritti e la libertà. L'Italia riesce sempre a confermarsi come paese retrogrado rispetto a tutti gli altri; l'ipocrisia regna sovrana nell'oltretevere e nelle menti cortocircuitate dei politici di turno. Ma è possibile che questo Paese non cresca mai? Che debbano ritornare ad essere sbandierate le scomuniche? Ma che schifo!